/ Economia

Economia | 20 giugno 2019, 10:39

Con "Riso Chiaro" chicchi tracciati dalla semima alla raccolta

Viene sviluppato nel vercellese un innovativo processo digitale applicato all'agricoltura

Con "Riso Chiaro" chicchi tracciati dalla semima alla raccolta

Chicchi di riso "tracciati", dalla semina alla raccolta. Si chiama “Riso Chiaro”: primo esempio di blockchain applicata alla filiera del riso e, a sviluppare questo progetto sono Basf insieme all’azienda agricola piemontese Coppo e Garrione e la start-up Ez Lab.

Digitalizzazione e Agricoltura 4.0 si confermano temi di crescente interesse nel settore agroalimentare, dove lo sviluppo di tecnologie e la condivisione di dati e informazioni lungo tutta la filiera garantiscono qualità dei prodotti e sicurezza dei processi. In questo contesto, BASF lancia, per prima in Europa, Riso Chiaro: il primo esempio di tecnologia blockchain applicata alla filiera del riso.

L’iniziativa nasce dalla volontà della Divisione Agricultural Solutions di BASF di contribuire a tutelare e promuovere la risicoltura italiana, una vera e propria eccellenza sia in termini di qualità che quantità, che vede il nostro Paese primo produttore europeo (con il 49% dell’intera produzione dell’Unione). Partner del progetto l’azienda agricola Coppo e Garrione, eccellenza piemontese con 1.000 ettari coltivati a riso, ed Ez Lab, startup padovana specializzata in soluzioni digitali avanzate per il settore Smart Agrifood.

Il progetto Riso Chiaro utilizza AgriOpenData di Ez Lab, una piattaforma software che applica la tecnologia blockchain per registrare, in ogni fase, tutti i dati di coltivazione del riso conservandoli in modo sicuro e inalterabile. Sarà l’azienda agricola Coppo e Garrione - in quanto parte del Farm Network di BASF, una partnership che promuove l’agricoltura sostenibile - a testare e utilizzare per prima Riso Chiaro raccogliendo e trasferendo le informazioni della coltivazione del riso, come ad esempio: i dati legati all’area geografica di produzione, le varietà piantate, le estensioni, i programmi di irrigazione, fertilizzazione e protezione della coltura, tracciando le diverse fasi di crescita del cereale. Ogni fase del processo sarà, dunque, tracciata, inserita nel sistema e conservata in un registro unico condiviso, ovvero quello della blockchain Riso Chiaro.

Oltre a incrementare la trasparenza dei processi produttivi, Riso Chiaro certifica le fasi cruciali di coltivazione e lavorazione del cereale e permette di trasferire l’informazione lungo tutta la filiera, idealmente fino al consumatore finale. Infatti, l’azienda agricola grazie a questa innovativa soluzione può fornire alla riseria tutte le informazioni sul raccolto, evidenziandone tipicità ed eccellenza.

redazione online Vercelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore