/ Lifestyle

Lifestyle | 06 luglio 2019, 11:23

Il mio mondo #ecobio- Zanzare, non vi temo.. di Cristina Garavaglia

Scopriamo l’Oro liquido dell’India

Il mio mondo #ecobio- Zanzare, non vi temo.. di Cristina Garavaglia

Oggi vi volevo parlare di un prodotto naturale dai mille utilizzi, anche sono consapevole che quello che vi interesserà di più è la sua capacità di fungere da repellente contro gli odiosi insetti che tanto ci disturbano in estate.

Sto parlando del Neem (così battezzato in onore della dea indiana Neemari) considerato da millenni nella medicina tradizionale indiana come l’albero capace di guarire tutti i malanni e nel mondo arabo come albero benedetto per le sue molteplici proprietà.

In ayurveda le varie parti della pianta (foglie, fiori, radici, semi), ricche di azadiractina, sono infatti utilizzate per le loro proprietà medicamentose, come antibiotici, antibatterici, antiparassitari e disintossicanti, tanto da essere diventata una vera e propria farmacia del villaggio e essere onnipresente nei diversi rimedi della medicina indiana.

Ma non mancano ovviamente in ayurveda gli usi cosmetici del Neem che si rivela particolarmente utile per il trattamento di irritazioni cutanee, scottature solari, le pelli impure e per stimolare la crescita dei capelli.

In occidente la sua diffusione è attribuibile alle moderne ricerche scientifiche che ne hanno confermato le proprietà della pianta, sì da rendere gli estratti molto interessanti per la produzione di farmaci e di cosmetici.

Va da se che il suo utilizzo in breve tempo si è ampiamente diffuso in fitoterapia e nella cosmesi naturale.

E sono sicura che lo avrete trovato senza magari saperlo in uno dei tanti prodotti naturali proposti sul mercato: creme e pomate per le irritazioni cutanee e l’acne, saponi antibatterici, shampoo antiforfora, prodotti per la cura del cuoio capelluto, prodotti antipediculosi, dentifrici antisettici, ect ect.

Tra i molti estratti derivati dalla pianta sicuramente un posto di eccellenza è occupato dall’olio, ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi in cui sono concentrati la maggior parte degli attivi dalle proprietà medicamentose.

In ambito cosmetico, l’olio di Neem è particolarmente apprezzato per la sua azione emolliente, idratante e anti-age ed è indicato per la cura di pelle sensibile, tendente a secco o matura nonché per il trattamento della secchezza capillare e delle problematiche del cuoio capelluto.

Volendo utilizzarlo in forma oleosa è possibile semplicemente applicarlo, anche in abbinamento ad altri oli vegetali, dopo la doccia su pelle umida come idratante e antiage, oppure come impacco pre shampoo su capelli umidi per almeno una mezzora in caso di capelli secchi o crespi, di forfora o dermatiti.

In alternativa è possibile aggiungere poco olio alla dose di shampoo utilizzata per lavare i capelli almeno una volta a settimana in modo da contrastare la formazione di forfora e di trattare eventuali irritazioni e prurito.

L’olio è altresì utile per il trattamento di contratture muscolari, per disinfiammare irritazioni della pelle anche derivanti dall’acne, ma anche per alleviare il disagio tipico delle punture di insetti (allergie specifiche escluse ovviamente). Non solo ma l’olio di Neem può trovare un valido impiego nella bioagricoltura contro gli insetti infestanti e i parassiti delle piante in sostituzione dei prodotti chimici che tanto bene non fanno alla nostra salute.

Ma ovviamente può benissimo essere utilizzato per proteggere le piante e i fiori che amorevolmente curiamo nell’orto, in particolare contro gli afidi, acari e lumache, allontanandole dalle nostre piantine senza ucciderle. Così come può essere utilizzato, senza creare problemi di salute, come antipulci e anti zecche naturale per i nostri amici animali, semplicemente mettendo qualche goccina dietro alle orecchie in modo che cane o gatto non lo possano leccare, visto che l’uso interno è decisamente sconsigliato.

Per lo stesso medesimo principio può essere utilizzato come prevenzione dei pidocchi, molto meglio dell’acclamato olio essenziale di lavanda che su questi animaletti poco funziona.

Anche qui il consiglio è di applicare qualche goccia dietro l’orecchio ogni giorno fino al termine del periodo pericoloso che generalmente coincide con quello scolastico per chi è a stretto contatto con i bambini, genitori compresi.

Ma veniamo all’utilizzo più interessante: il Neem è considerato uno dei migliori rimedi naturali contro insetti e zanzare tanto da essere utilizzato nei paesi tropicali come prevenzione della malaria.

Ovviamente a tal scopo è possibile applicarlo sulla pelle in quanto trattandosi di un prodotto naturale non sono noti effetti collaterali, soprattutto se paragonato ai classici spray chimici, insomma io ci farei un pensierino.

E’ anche possibile disperderlo nell’ambiente mettendo uno due tre cucchiai in una bacinella con qualche goccia di olio essenziale di geranio e/o citronella al posto dei famosi zampironi.

O in alternativa applicare poche gocce nei sottovasi delle piante presenti in casa o in giardino per impedire che le larve di zanzara possano svilupparsi.

Prestate peraltro attenzione al fatto che l’uso in gravidanza così come l’uso interno, animali compresi, sono fortemente sconsigliati. Unico grande difetto del Neem è l’odore pungente che non tutti tollerano. Per fortuna è possibile mitigarne l’odore utilizzandolo in abbinamento a essenze naturali o pochissime gocce di olio essenziale (questi ultimi non sono da utilizzare sui bimbi mi raccomando), ad esempio di rosa o lavanda a seconda dei propri gusti personali.

Cristina Garavaglia

Articolo tratto da www.ticinonotizie.it

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore