/ Eventi

Eventi | 13 febbraio 2020, 23:04

Gambolò, raggiunto l’accordo con altri cinque scrittori. Saranno ospiti della Rassegna Letteraria

I nuovi nomi sono Franco Vanni, Patrizia Debicke Van der Noot, Maria Letizia Grossi, Bruno Morchio e Lydia Rigotto

Gambolò, raggiunto l’accordo con altri cinque scrittori. Saranno ospiti della Rassegna Letteraria

Un calendario in continua evoluzione quello della Rassegna Letteraria gambolese. L’assessore Helena Bologna ha programmato il rush finale che ci accompagnerà da oggi fino al mese di maggio. Guai però ad affermare che sia il definitivo perché alcuni nomi potrebbero aggiungersi strada facendo. Concordati già da prima della pausa natalizia gli appuntamenti con Valeria Corciolani, in calendario questa sera (giovedì), e quello con Barbara Baraldi, che dopo Roma e Milano, presenterà a Gambolò il prossimo 21 febbraio il libro “L’ultima notte di Aurora”. Per l’occasione le locandine sono state effettuate dalla Giunti, casa editrice che ha pubblicato il volume.

I risultati della Rassegna Letteraria sono sotto gli occhi di tutti. In meno di sei mesi sono stati ospiti circa dieci scrittori con buoni riscontri in termini di partecipazione. Il buon andamento ha spinto quindi la Bologna a pianificare nuovi incontri. Il 5 marzo toccherà a Franco Vanni. Cronista del quotidiano “la Repubblica” sarà in quel di Gambolò per presentare la sua ultima fatica letteraria: “La regola del lupo”.

A fine marzo, per la precisione il 27, sarà il turno di Patrizia Debicke Van der Noot. Sarà l’occasione per parlare de “L’oro dei Medici” e “La gemma del cardinale de’ Medici”, ultimi volumi scritti dall’autrice fiorentina. Suo nonno, Candido Vanni, era il segretario “storico” del famoso premio letterario fiorentino “L´Antico Fattore”.

Il 30 marzo sarà poi la volta di Maria Letizia Grossi, di origine campane, ma risiedente a Firenze. Il suo libro “L’ordine imperfetto”, pubblicato da Giunti, ha come protagonista una profiler che, grazie alla dedizione totale al lavoro ed al grande fiuto, è stata in grado di diventare l’unica donna in Italia a capo della Squadra Mobile di Firenze.

Lo scrittore e psicologo Bruno Morchio sarà ospite al salone Litta il prossimo 18 aprile. Il giallista è conosciuto per aver scritto una serie di romanzi dedicati alle avventure di Bacci Pagano, l’investigatore privato nato dalla fantasia dell’autore genovese. Una serie che in questi anni ha visto la pubblicazione di tantissimi volumi, l’ultimo dei quali è “Le sigarette del manager”. Nel mese di marzo uscirà poi un altro libro di Morchio che in teoria non dovrebbe essere collegato alla serie.

A chiudere la seconda edizione della Rassegna Letteraria dovrebbe essere Lydia Rigotto, anche se per ora il condizionale è d’obbligo perché potrebbero aggiungersi altri autori. Sarà attesa al salone Litta sabato 23 maggio per presentare il libro “Come le stelle del calicanto”.

Fabrizio Negri

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore