/ Cronaca

Cronaca | 02 aprile 2019, 18:28

Pavese: simulano un aggressione ma la realtà è ben diversa, nei guai due 20enni

Le due ragazze sono accusate di simulazione di reato, volevano nascondere di essere state derubate di circa 400 euro, presenti all'interno della loro borsa

Pavese: simulano un aggressione ma la realtà è ben diversa, nei guai due 20enni

In Pavia, il dipendente N.O.R. – Sezione Radiomobile ha deferito in stato di libertà due 20enni residenti nell’hinterland milanese ritenute responsabili di simulazione di reato.

Le due ragazze, lo scorso 30 marzo, alle ore 4 circa, a Giussago, avevano richiesto l’intervento dei militari dell'Arma riferendo di essere state poco prima avvicinate, in via Natta, mentre erano a bordo dell’autovettura Opel Corsa, da due ignoti soggetti, armati di coltello, che, minacciandole, e previa effrazione del vetro deflettore anteriore destro, si erano fatti consegnare il denaro in loro possesso.

Nella circostanza, immediati accertamenti effettuati hanno permesso di appurare che le giovani avevano in realtà simulato tutto allo scopo di nascondere il fatto che, poco prima, mentre si trovavano presso un esercizio pubblico corrente a Pavia, lungo il viale Montegrappa, erano state derubate della loro borsa, contenente circa 400 euro, lasciata incustodita interno del veicolo, fermo in sosta nell’adiacente parcheggio.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore