/ Cronaca

Cronaca | 24 maggio 2019, 12:22

Vigevano: perseguita la ex fidanzata, arrestato per stalking un 42enne rumeno

L'uomo, dall'inizio di gennaio di quest'anno, dopo essere stato lasciato, aveva iniziato a molestare la sua vittima inviandole, con insistenza e petulanza, migliaia di messaggi telefonici

Vigevano: perseguita la ex fidanzata, arrestato per stalking un 42enne rumeno

Nel pomeriggio di mercoledì 22 maggio, gli uomini del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Vigevano, hanno tratto in arresto un 42enne romeno, autista (noleggio di auto con conducente) residente a Monaco di Baviera, a seguito degli atti persecutori messi in atto dal predetto da diversi mesi nei confronti della ex fidanzata, una cittadina ucraina 38enne, residente a Vigevano.
L'uomo, dall'inizio di gennaio di quest'anno, dopo essere stato lasciato, aveva iniziato a molestare la sua vittima inviandole, con insistenza e petulanza, migliaia di messaggi telefonici che esprimevano sentimenti contrastanti, alternando ingiurie, minacce con approcci riconcilianti.

La donna ha attraversato un terribile periodo di stress emotivo, trovandosi, in molte occasioni, il suo ex davanti casa. Talvolta questi le aveva affisso sul pianerottolo dell'abitazione fogli sui quali aveva scritto frasi d'amore chiedendole perdono per suoi pregressi comportamenti disdicevoli; oppure trascorso notti davanti la porta dell'ingresso della sua dimora piangendo e lamentandosi rumorosamente svegliando i vicini e spaventando le figlie minorenni che vivono con la madre. L'uomo ha anche cercato con insistenza di iscriversi alla scuola serale frequentata dalla donna, non riuscendovi solo grazie all'intervento del preside che aveva intuito le sue cattive intenzioni. Frequentemente ha spedito mazzi di fiori e regali alla donna sia a casa che sui luoghi di lavoro, ossia nei negozi di Milano e di Mantova dove faceva la commessa.   

Dopo una prima denuncia presentata dalla vittima presso la Questura di Milano e dopo che l'uomo aveva cercato di rintracciare famigliari e amici della vittima con l'intenzione di convincerli ad intercedere in suo favore per riallacciare il rapporto, l'autorità giudiziaria, lo scorso mese di marzo, ha emesso nei confronti dello stalker una misura cautelare di divieto di avvicinamento alla donna, divieto che questi successivamente ha violato giungendo, nonostante il provvedimento gli fosse già stato notificato, dalla Germania all'abitazione vigevanese della vittima, dove è stato identificato dagli Agenti della Volante della Polizia di Stato chiamati dalla donna stessa.

Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Pavia, ha successivamente emesso un provvedimento che sostituisce la misura del divieto di avvicinamento con quella della custodia in carcere. L'uomo intanto era tornato in Germania, ma, con uno stratagemma, gli agenti dell'Ufficio Anticrimine Investigativo del Commissariato di Vigevano, diretto dal Vice Questore Anna Leuci, lo hanno convinto a tornare in Italia riuscendo così, mercoledì pomeriggio, a catturarlo eseguendo la sua carcerazione e associandolo alla casa Circondariale di Pavia. 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore