/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Attualità | 24 luglio 2020, 17:12

La Sicilia, Robbio... Poi le vette sopra i 4000

Antonino Matarazzo, 57 anni, tra arrampicate su roccia e scalate su cascate di ghiaccio

Antonino Matarazzo con la scalatrice Veruska Besozzi (volto noto su Rai e Mediaset)

Antonino Matarazzo con la scalatrice Veruska Besozzi (volto noto su Rai e Mediaset)

Lui è Antonino Matarazzo, 57 anni, secondo di tre figli appartenenti a una famiglia che si è trasferita dalla Sicilia a Robbio nel 1963. Suo padre  Alfonso sfrecciava per le vie del paese con una Vespa verde smeraldo, la macchina a quei tempi era un lusso. Negli anni 70 le sue diligentissime sorelle viaggiavano in treno per andare a scuola, una a Novara, l'altra a Vercelli.Dopo le scuole va a lavorare in una ditta di Robbio. Nel 1993 si sposa e si trasferisce ad Olcenengo, formando una famiglia. Sua figlia Sara oggi ha 21 anni. 

Da due anni lavora a Cameri, capoturno, in un'azienda che produce manufatti per gli interni della Ferrari.

Da 28 anni a questa parte, con la sua passione per la montagna, ha scalato almeno venti vette sopra i 4000 metri, una cinquantina oltre i 3000 metri e un centinaio di vette sopra i 2000 metri. Ora è istruttore della Scuola Nazionale di Alpinismo del CAI di BIella.

Gli piace l'alpinismo in tutte le forme classiche che sono: l'arrampicata su roccia, le scalate su cascate di ghiaccio, le pareti e i canali ghiacciati e l'alta quota... scusate se è poco.

Qual è stata la prima vetta "importante" che hai scalato con poca esperienza?

"La Piramide Vincent sul gruppo del Monte Rosa a 4215 metri di quota, però  ho sempre pensato che la cima più importante è quella che devo ancora scalare."

Preferisci scalare con il mondo femminile o con quello maschile?

" È indifferente, mi sono trovato sia con i compagni di scalata maschi che femmine, anche se le scalate più difficili e impegnative le ho fatte con i maschi."

Hai una bella figlia, Sara, e una moglie altrettanto bella, Pina. Cosa pensano loro della tua passione? 

"Mia figlia Sara non condivide perché è un'attività troppo faticosa, però è venuta ad arrampicare su roccia e lo scorso anno l'ho portata su un ghiacciaio a circa 3.500 metri."

E tua moglie Pina? 

"Pina mi lascia andare senza darmi divieti, in 27 anni di matrimonio non mi ha mai detto ‘no, oggi stai a casa.’Diciamo che si fida molto e questo è molto importante perché mi lascia molto sereno e tranquillo, soprattutto quando a fare vette impegnative. Anche lei, prima che nascesse Sara, è venuta ad arrampicare su roccia e sul ghiacciaio."

Come è nata la passione per la montagna, per te, di origini siciliane?

"Già, di origini siciliane... Curioso, ma sono nato a Sperlinga, un piccolo paese a 800 metri. fra i Nebrodi e le Madonie dove molti dove molti giorni all' anno si può ammirare l'Etna. La passione per la montagna è nata da un'altra passione, quella per la fotografia, facevo parte del Foto Club di Robbiobbio. Una sera sono a vedere una proiezione di diapositive con tema della montagna. Mi sono detto che in montagna si sarebbero fatte delle belle foto e alcuni giorni dopo, con uno zainetto pieno di obbiettivi e reflex, ci sono andato. L'anno dopo, il 10 agosto 1993, dopo 10 giorni dal rientro del giorno di nozze, ero in cima al Monte Bianco."

 

Ma.Bi. redazione online Vercelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore