/ Attualità

Attualità | 17 novembre 2020, 10:34

La proposta choc dalla Svizzera sul Coronavirus: «Niente terapia intensiva per chi non rispetta le regole»

L'economista elvetico Willy Oggier chiede la linea dura nei confronti di negazionisti e di chi deliberatamente ignora le regole anti contagio: «Servono segnali forti»

La proposta choc dalla Svizzera sul Coronavirus: «Niente terapia intensiva per chi non rispetta le regole»

Il rispetto delle regole per prevenire la diffusione del Coronavirus, con tutti i danni per la salute pubblica e l'economia che ne consegue, è fondamentale. Sono in molti a chiedere sanzioni dure per chi volontariamente le ignora. Nella vicina Svizzera c'è chi addirittura chiede di ridurre le cure per chi le aggira.

E' la proposta dell'economista elvetico Willy Oggier, raccontata dal giornale Tio.ch. Oggier in un'intervista si dice favorevole alla linea dura: «Coloro che ignorano volontariamente le regole di distanziamento sociale e di igiene - riporta Tio.ch le sue parole - devono assumersi la responsabilità dei loro atti».

Da qui una proposta decisamente forte. Quella di registrare i nominativi di negazionisti e di chi deliberatamente rifiuti di seguire i comportamenti anti contagio previsti e «qualora fossero infettati dal virus, di non accordare loro un letto nei reparti di cure intensive in caso di carenza di posti» conclude Tio.ch. Un «segnale forte», secondo Oggier, utile per avere il massimo rigore nella lotta al virus.

Tratto da VareseNoi.it

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore