/ Attualità

Attualità | 19 marzo 2022, 12:12

Il governo stanzia 428 milioni per l'accoglienza dei profughi

Il provvedimento è contenuto nel nuovo decreto approvato ieri sera. Medici e infermieri ucraini potranno lavorare nelle strutture italiane

Il governo stanzia 428 milioni per l'accoglienza dei profughi

Nel nuovo decreto per il contenimento dei costi dell'energia e gli aiuti alle famiglie e alle imprese emanato ieri sera dal governo Draghi è stato inserito uno stanziamento di 428 milioni di euro per l'accoglienza dei proughi nel 2022, il cui numero è notevolmente aumentato a seguito dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia.

Il Dipartimento della protezione civile è così autorizzato a definire forme di accoglienza diffusa da attuare mediante i Comuni, gli enti del terzo settore, i Centri di servizio per il volontariato, le associazioni e gli enti religiosi per un massimo di 15mila profughi, nonché a definire forme di sostentamento per l’assistenza fino a 60mila persone titolari della protezione temporanea che abbiano trovato autonoma sistemazione. Inoltre viene riconosciuto alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano un contributo per l’accesso al Servizio sanitario nazionale da parte dei rifugiati fino a un massimo di 100mila persone.

Nello stesso decreto, fino al 4 marzo 2023, è inoltre consentito l’esercizio temporaneo delle qualifiche professionali sanitarie e della qualifica di operatore socio-sanitario ai professionisti ucraini che abitavano in Ucraina prima del 24 febbraio 2022 e che ora intendono esercitare la loro professione nel territorio italiano, presso strutture sanitarie o sociosanitarie pubbliche o private, in base a una qualifica professionale conseguita all’estero e regolata da specifiche direttive dell’Unione Europea.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore