/ Cronaca

Cronaca | 04 giugno 2022, 11:49

Chignolo Po: furto in abitazione, estorsione e maltrattamenti, per un 38enne si aprono le porte del carcere

L'uomo dovrà scontare una pena residua di 3 anni e 2 mesi

foto generica di repertorio

foto generica di repertorio

Questa mattina (sabato) i carabinieri della stazione di Chignolo Po, unitamente ai colleghi della stazione di Montalto Pavese, hanno arrestato un 38enne bresciano, già agli arresti domiciliari presso la comunità terapeutica “Gandina” di Pieve Porto Morone, dando esecuzione all’ordine di carcerazione emesso il 1° giugno scorso dall’Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale di Brescia.

Il 38enne dovrà scontare una pena residua di 3 anni, 2 mesi e 13 giorni di reclusione, per i reati di furto in abitazione, maltrattamenti ed estorsione, commessi in Zone (BS) nell’anno 2021.

Al termine delle formalità, l’arrestato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Pavia, a disposizione dell’Autorità giudiziaria procedente.

 

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore