/ Cronaca

Cronaca | 21 giugno 2022, 19:07

Rivanazzano Terme: rubano in una villetta poi si danno alla fuga speronando l'auto della Polizia

L'episodio è avvenuto sabato scorso

Rivanazzano Terme: rubano in una villetta poi si danno alla fuga speronando l'auto della Polizia

Sabato sera, alle ore 22:30 circa, un equipaggio dell’Ufficio Controllo del Territorio del Commissariato di Voghera si portava in località Rivanazzano Terme, a seguito di segnalazione di furto in atto in una villetta ad opera di soggetti travisati giunta su utenza NUE 112.

La volante della Polizia di Stato, che gravitava al momento in zona, raggiungeva di lì a poco l’abitazione segnalata notando la presenza degli intrusi che scavalcando la recinzione alla vista degli operanti, si davano alla fuga in auto in direzione di Voghera passando per il centro storico di Rivanazzano Terme, a forte velocità, incuranti dei passanti e degli altri utenti della strada e provocando un primo sinistro stradale con un'automobilista estraneo ai fatti.

Tale condotta di guida pericolosa proseguiva anche nel centro abitato di Voghera dove, giunti in via Martiri della Libertà, i fuggiaschi speronavano più volte la Volante della Polizia giungendo ad infilarsi in un vicolo cieco; qui, abbandonando il veicolo ancora in marcia cercavano di sfuggire agli agenti che tuttavia riuscivano a bloccare due di loro, mentre altri scavalcando un cancello guadagnavano la fuga in zona agraria.

In ausilio, anche per le ulteriori ricerche, giungeva altro equipaggio del Commissariato di Voghera, uno dell’Arma dei Carabinieri e personale della Squadra Mobile da Pavia, ma le ricerche dei complici risultavano vane.

I due soggetti fermati erano invece tratti in arresto per i reati di tentato furto, resistenza a P.U., lesioni personali, uso di atto falso, ricettazione, possesso di attrezzi atti allo scasso e danneggiamento.

All’interno del veicolo venivano, infatti, rinvenuti attrezzi da scasso, oggetti atti ad offendere, ricetrasmittenti, due targhe automobilistiche, monili d’oro e d’argento e la somma di oltre 4000 euro in contanti.

Veniva inoltre richiesto l’intervento in loco di personale sanitario al fine di prestare le prime cure agli operatori di Polizia i quali riportavano rispettivamente 15 e 7 giorni di prognosi per le lesioni subite nel corso dell’inseguimento.

L’Autorità giudiziaria, informata nell’immediatezza da personale del Commissariato P.S. di Voghera, disponeva per entrambi i soggetti la collocazione presso le camere di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto che si è svolta ieri con convalida, applicazione degli arresti domiciliari e rinvio della trattazione

 

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore