/ Attualità

Attualità | 22 novembre 2022, 18:05

Sciopero mezzi a Milano: data fissata per venerdì 2 dicembre

Sciopero mezzi a Milano: data fissata per venerdì 2 dicembre

Sciopero dei mezzi a Milano fissato per venerdì 2 dicembre, così come nel resto d’Italia. Lo sciopero generale indetto dai sindacati di base Cobas, Cub, Sgb, SiCobas, UniCobas, Usb e Usi Cit è rivolto a tutti i lavoratori di tutte le aziende, pubbliche e private. Come riporta, i disagi maggiori dovrebbero essere nel settore dei trasporti, con il capoluogo della Lombardia che potrebbe rimanere paralizzato così come tutte le grandi città italiane.

ITA/ E le mosse cruciali del Governo su contratti e aeroporti. I mezzi Atm potrebbero bloccarsi con metropolitane, bus e tram pronti a fermarsi. Si dovrebbero bloccare anche i treni regionali di Trenord. Come riporta il sito del ministero delle infrastrutture e dei trasporti, anche i lavoratori del comparto aereo dovrebbero fermarsi: potranno scioperare per tutte le 24 ore del 2 dicembre. I ferrovieri potrebbero invece fermarsi dalle 21 del 1 dicembre alle 21 del giorno successo.

Per quanto riguarda il Tpl, ovvero i mezzi pubblici cittadini, lo sciopero è di “24 ore con modalità territoriali” ancora da decidere.

Sciopero mezzi a Milano: perché si fermano i trasportiIn un comunicato di Cobas, che nei giorni scorsi ha anche organizzato una riunione di preparazione, vengono spiegate le motivazioni dello sciopero dei mezzi a Milano e in tutta Italia.

Lo sciopero è stato proclamato per chiedere “il rinnovo dei contratti e l’aumento dei salari con adeguamento al costo della vita e con recupero dell’inflazione, l’introduzione del salario minimo di 12 euro l’ora, la cancellazione degli aumenti delle tariffe dei servizi ed energia, il congelamento dei prezzi dei beni primari e dei combustibili, la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, il blocco delle spese militari e dell’invio di armi in Ucraina”.

Un’altra motivazione dello sciopero riguarda “investimenti economici per scuola, sanità pubblica, trasporti, salario garantito per disoccupati e sottoccupati, un piano di edilizia residenziale pubblica che preveda anche il recupero del patrimonio pubblico in disuso, l’introduzione del reato di omicidio sul lavoro, lo stop alla controriforma della scuola e la cancellazione dell’alternanza scuola-lavoro e degli stage dei centri di formazione professionale, la difesa del diritto di sciopero”.

sindacati esprimo anche la propria contrarietà alle “privatizzazioni” e al “sistema di appalti e sub appalti”.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore