/ Cronaca

Cronaca | 22 maggio 2023, 17:35

Travolse e uccise due donne al casello dell'A4: «Soffre di psicosi paranoide con crisi da fine del mondo»

Secondo la perizia psichiatrica sul comportamento dell'uomo di 39 anni che lo scorso febbraio si schiantò con la sua auto contro quella di Laura Amato e Claudio Turconi, residenti a Robecchetto e Rescaldina, non incisero hashish e benzodiazepine ma un disturbo psichico

Travolse e uccise due donne al casello dell'A4: «Soffre di psicosi paranoide con crisi da fine del mondo»

(Afe/Adnkronos) «Psicosi paranoide con crisi da fine del mondo». E' il disturbo di cui soffre il 39enne che, lo scorso 18 febbraio, ha travolto e ucciso con la sua auto due donne - Laura Amato, di Robecchetto con Induno, e Claudia Turconi, di Rescaldina - ferme alla barriera autostradale Ghisolfa sulla A4 Torino-Milano.

E' il responso dello psichiatra a cui è stata affidata la perizia che accerta l'incapacità totale di intendere e volere dell'uomo, accusato di omicidio colposo plurimo, e la sua pericolosità sociale.

Secondo il perito, che ha discusso davanti al al gip di Milano Ileana Ramundo e alle parti, sul comportamento dell'uomo alla guida non avrebbe inciso né l'hashish, né le benzodiazepine che aveva assunto.

Il 39enne, ricoverato nel reparto di psichiatria, potrebbe essere trasferito in una Rems o in una comunità protetta ad alta sicurezza. Se il vizio totale di mente dovesse essere riconosciuto anche nel processo, l'indagato verrebbe assolto per incapacità di intendere e volere.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore