/ Attualità

Attualità | 24 maggio 2023, 17:25

Vigevano, dal 1 luglio al via la nuova ZTL e area pedonale in piazza Ducale

Partirà il controllo automatizzato degli ingressi: tutti i dettagli sui nuovi pass

Vigevano, dal 1 luglio al via la nuova ZTL e area pedonale in piazza Ducale

A breve sarà applicato il Regolamento della Zona a Traffico Limitato approvato lo scorso giugno: l'infrastruttura tecnica è ormai completa, ed è in corso la fase di test del sistema.

L'estensione della ZTL è rimasta identica, e le vie interessate dal provvedimento sono le consuete, sia nell'area permanente, sia in quella festiva. La principale novità riguarda la creazione dell'Area Pedonale: piazza Ducale, via Roma e un tratto di piazza Sant'Ambrogio saranno infatti riservati esclusivamente ai pedoni e ai velocipedi, con la possibilità del carico e scarico merci da diverse aree adiacenti alla Piazza.

Questo permetterà di tutelare e conservare il bene storico e architettonico più prezioso di Vigevano: la Piazza Ducale è stata costruita, più di cinquecento anni fa, su un'area abitata, e il terreno sottostante è instabile in molti punti. Il centro storico nel suo complesso diventerà così una parte della città più vivibile e sicura per tutti. Sono previsti permessi per numerose categorie, che per motivi di residenza, lavoro, salute, e per diverse necessità, devono poter accedere alla Zona a Traffico Limitato.

Sul sito istituzionale www.comune.vigevano.pv.it c'è una nuova sezione dedicata alla ZTL, accessibile direttamente dalla homepage, dove sono indicate anche tutte le tipologie di pass previste, insieme ai requisiti e alle modalità per l'autorizzazione. Tutti i permessi di accesso permanente, rilasciati fino allo scorso aprile, non sono dunque più validi: ora i punti di ingresso e uscita dalla ZTL, segnalati da appositi cartelli, sono controllati da un sistema elettronico, omologato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che rileva automaticamente le targhe non autorizzate a transitare.

Gli interessati possono chiedere il nuovo permesso:

• online, collegandosi al portale dedicato https://ztl.vigevanosmart.it 

• oppure personalmente, fissando un appuntamento con gli Sportelli Polifunzionali di piazza Calzolaio d'Italia. I permessi di accesso provvisorio (di durata giornaliera, oppure per eventi e manifestazioni) continueranno per il momento ad essere richiesti online con le precedenti modalità, dalla sezione Servizi online - Pass ZTL provvisori del sito istituzionale.

La Zona a Traffico Limitato e l'Area Pedonale saranno presentate alla cittadinanza durante un incontro pubblico martedì 30 maggio alle 18.30, nella sala consiliare di Corso Vittorio Emanuele II 25: saranno presenti, insieme al Sindaco, i tecnici comunali, per dare ai partecipanti tutte le informazioni e i chiarimenti sulle nuove procedure.

Per ogni necessità, è sempre possibile: - mandare una email agli indirizzi gr sportelloallacitta@comune.vigevano.pv.it  e permessiztl@comune.vigevano.pv.it  - oppure telefonare al numero 0381 299 814 - Sportelli Polifunzionali, lunedì dalle 8.30 alle 18, dal martedì al venerdì dalle 8.30 alle 13 e il giovedì anche dalle 15.30 alle 17.30.  

BREVE INQUDARAMENTO STORICO SULLA PAVIMENTAZIONE DI PIAZZA DUCALE

1492: iniziano i lavori di costruzione della nostra Piazza Ducale, un’opera straordinaria compiuta nell’arco di due anni.

Il primo passo fu l’esproprio delle abitazioni che sorgevano in quell’area, seguito subito dopo dal loro abbattimento. Le macerie furono utilizzate per riempire le cantine delle case, demolite allo scopo di consolidare il terreno: in piazza infatti confluivano le trafficate vie di collegamento con Milano, Pavia e Novara.

Non abbiamo notizie certe circa la pavimentazione originaria, probabilmente fu realizzata con una tessitura in ammattonato e in seguito, per ripianarne gli avvallamenti dovuti all’usura, ricoperta di terra battuta.

La pavimentazione della piazza con ciottoli e lastre di serizzo risale alla metà dell'Ottocento, quando venne sostituita anche la pavimentazione dei portici, originariamente in mattoni a spina di pesce, con quella attuale.

Quello che è rimasto invariato è il fondo su cui si sviluppa: in gran parte non è costituito da un terreno compatto, ma da cavità riempite con detriti, la cui stabilità è stata nei secoli compromessa dalle sollecitazioni dovute al continuo transito di veicoli che ha causa-to visibili cedimenti.

È questa valutazione che, in ottica conservativa, ha indotto la decisione di chiudere al traffico questa porzione di centro storico: una necessità dettata dall’obiettivo di tutelarne l’equilibrio, tanto instabile quanto prezioso.

Il cerchio indica approssimativamente la porzione di pavimentazione che si sviluppa sulle macerie del precedente borgo.

Comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore