/ Economia

Economia | 01 giugno 2023, 16:33

Latte, in Lombardia il 45% di quello italiano. Coldiretti Pavia consegna bottiglia agli Autogol

In arrivo il latte sintetico, no da 3 cittadini su 4

Latte, in Lombardia il 45% di quello italiano. Coldiretti Pavia consegna bottiglia agli Autogol

In Lombardia nasce il 45% dell’oro bianco italiano grazie a una rete di circa c5mila stalle diffuse in tutta la regione e anche in provincia di Pavia, alla base di una filiera che produce eccellenze e tipicità dell’agroalimentare lombardo e italiano. È quanto afferma la Coldiretti in occasione della Giornata Mondiale del Latte promossa dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) che si celebra il 1° giugno.

Per ricordare che la stabilità delle stalle da latte e dell’intera rete zootecnica ha un’importanza che non riguarda solo l’economia territoriale, ma ha anche una rilevanza sociale e ambientale – spiega Coldiretti Pavia – la giovane allevatrice pavese Uberta Gastel ha consegnato simbolicamente una bottiglia di latte agli Autogol,  il famoso trio di youtuber e conduttori radiofonici composto dai pavesi Michele Negroni, Alessandro Iraci e Alessandro Trolli detto Rollo.

Una mobilitazione che i giovani imprenditori agricoli della Coldiretti hanno realizzato su tutto il territorio lombardo, consegnando simbolicamente le bottiglie di latte a rappresentanti delle istituzioni e personaggi pubblici, a partire dagli Assessori regionali Alessandro Beduschi (Agricoltura, Sovranità alimentare e Foreste) e Simona Tironi (Istruzione, Formazione e Lavoro). Quando una stalla chiude – sottolinea Coldiretti Pavia – si perde infatti un intero sistema fatto di animali, di prati per il foraggio, di formaggi tipici e soprattutto di persone impegnate a combattere, spesso da intere generazioni, lo spopolamento e il degrado dei territori soprattutto in zone svantaggiate.

Sul settore lattiero caseario italiano – continua la Coldiretti – arriva ora la minaccia del latte sintetico, con Israele che si appresta a diventare uno dei primi Paesi al mondo a vendere veri e propri prodotti lattiero caseari senza mucche. Il ministero della Sanità di Israele – precisa la Coldiretti – ha infatti concesso alla società Remilk, che sta già producendo su scala industriale in diverse aree del mondo, di vendere al pubblico i suoi prodotti lattiero caseari nati in laboratorio senza aver mai visto neppure l’ombra di una mucca usando il gene della proteina del latte e inserendolo in bioreattori per la crescita accelerata con un processo simile a quello usato un po’ per tutti gli alimenti creati in laboratorio, o “a base cellulare” come suggerito da Fao e Oms.

Una novità che si somma alla carne e al pesce in provetta e che viene nettamente bocciata da quasi tre italiani su quattro, con il 72% dei cittadini che non mangerebbe cibi sintetici ottenuti in laboratorio e solo il 18% li proverebbe mentre il 10% non sa e ha quindi bisogno di più informazioni, secondo l’indagine Tecnè.

Una diffidenza che conferma la necessità di rispettare il principio di precauzione di fronte ad una nuova tecnologia con molte incognite, che ha portato alla presentazione in Italia del disegno di legge che vieta la produzione, la commercializzazione e l’uso di cibo artificiale che dovrà ora essere discusso e poi approvato dal Parlamento, con la raccolta a livello nazionale da parte della Coldiretti di mezzo milione di firme di cittadini, oltre 2mila comuni che hanno deliberato spesso all’unanimità, tutte le regioni di ogni colore politico e di esponenti di ogni schieramento che hanno sostenuto la proposta in modo bipartisan. Un’iniziativa che – conclude la Coldiretti – ha il merito di aver acceso i riflettori su un business in mano a pochi ricchi e influenti nel mondo sul quale si comincia ora a fare luce.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore