/ Sport

Sport | sabato 24 novembre 2018, 22:10

Basket serie B: Omegna vince, ma Vigevano esce a testa alta (67-62)

Buona prestazione da parte dei ducali che giocano alla pari per tre quarti di gara con la capolista, ma pagano a caro prezzo un terzo periodo nel quale hanno incassato un parziale da 24-7 ed escono nuovamente sconfitti lontano dalla Carducci

Foto Laura Marmonti

Foto Laura Marmonti

Se la Paffoni Omegna è una delle corazzate del girone A di serie B un motivo ci sarà e la Elachem Vigevano questa sera ne ha saggiato fin troppo bene le qualità, soprattutto nel terzo quarto decisivo in negativo come già accaduto in altre trasferte dei ducali in questa stagione. Eppure Vigevano è rimasta attaccata fino alla fine alla partita prima che una maldestra gestione della palla da parte di Panzini a 12 secondi dal termine decretasse i titoli di coda.

Prima di parlare della partita bisogna però sottolineare il clima di totale fraternità fra le squadre e le tifoserie sul parquet unite nel ricordo di Matteo Bertolazzi indimenticato ex di entrambe i sodalizi, scomparso prematuramente cinque anni fa e ricordato con la giusta commozione prima della palla a due.

Poi c'è stata la partita vera e propria nella quale il quintetto di coach Piazza ha avuto un avvio molto positivo che le ha permesso di condurre i ritmi nei primi due quarti, con Birindelli, Panzini e Verri sugli scudi sia in fase realizzativa che in difesa, con molti rimbalzi conquistati.

Inevitabile quindi che i primi dieci minuti siano trascorsi sul filo dell'equilibrio con pochi canestri e predominio da parte delle difese. Ne è scaturito così il 15-16 di fine primo quarto con il quale i gialloblu hanno dimostrato di non temere l'elevato tasso tecnico della Paffoni, con le bocche di fuoco Balanzoni e Cantone in evidente difficoltà almeno in questa fase della sfida.

Nel secondo quarto Vigevano ha alzato ulteriormente l'asticella e dopo il primo vantaggio dei padroni di casa firmato da Samoggia, i ducali hanno risposto colpo su colpo e nel finale prima dell'intervallo lungo hanno piazzato un mini parziale di 9-4 che ha portato il tabellone a recitare 26-31 in favore della Elachem.

Purtroppo il rientro dall'intervallo lungo non è stato altrettanto foriero di intensità come i primi 20 minuti di gioco e Omegna dopo un ultimo svantaggio sul 28-31, ha piazzato un parziale di 22-7 che ha di fatto segnato la gara in favore della capolista. Balanzoni, Cantone e Grande hanno iniziato a fare la voce grossa come era lecito attendersi e per la difesa gialloblu le cose si sono complicate e non di poco. Avanti prima del'ultima sirena per 50-38, Omegna ha subito parzialmente il ritorno del quintetto di coach Piazza che sotto di 13 lunghezze sul 56-43, propiziato da una tripla di Cantone, ha ritrovato grazie a Benzoni e Verri la forza di riportarsi a - 5 sul 56-51 con sei minuti sul tabellone ancora da giocare.

Vigevano a 22 secondi dalla fine ha trovato la tripla con Benzoni che ha riportato i gialloblu a stretto contatto con la Fulgor sul 64-62, costringendo coach Ghizzinardi a chiedere un time-out. Grande, dopo il fallo subito da Verri, ha messo a segno un libero su due, tenendo ancora vivi i sogni di Vigevano di espugnare il parquet di Verbania a 14 secondi dalla sirena. Sogni infranti sulla rimessa di Panzini con la palla persa dal play che ha decretato di fatto la fine della gara sugellata dai liberi di D'Alesssandro. 

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore