/ Eventi

Eventi | 19 febbraio 2020, 14:23

Pavia: al teatro Fraschini in scena il “Don Chisciotte” con Alessio Boni e Serra Yilmaz: il libro che ne racconta la genesi sostiene AGAL

Durante le tre repliche in vendita l’omonimo volume edito da Damocle Edizioni: parte del ricavato contribuirà all’accoglienza gratuita dei bambini in cura al San Matteo di Pavia

Pavia: al teatro Fraschini in scena il “Don Chisciotte” con Alessio Boni e Serra Yilmaz:  il libro che ne racconta la genesi sostiene AGAL

Sarà un “Don Chisciotte” con un risvolto solidale quello che la compagnia Nuovo Teatro porterà in scena dal 21 al 23 febbraio 2020 al Teatro Fraschini di Pavia (Corso Strada Nuova, 136). Durante le tre repliche (in programma venerdì 21 e sabato 22 alle ore 20.30 e domenica 23 alle ore 16) sarà infatti possibile acquistare l’omonimo volume edito da Damocle Edizioni, che devolverà parte del ricavato delle copie vendute ad AGAL – Associazione Genitori e Amici del Bambino Leucemico.

Liberamente ispirato al romanzo di Miguel de Cervantes Saavedra, uno dei classici intramontabili della narrativa mondiale, questo adattamento di Francesco Niccolini narra le avventure di un eroe fuori dal tempo, il cui spirito, infiammato dalla lettura dei poemi cavallereschi, anela a epiche imprese. Al galoppo di un indimenticabile, strepitoso Ronzinante interpretato da Nicoló Diana, Alessio Boni (anche regista dello spettacolo insieme a Roberto Aldorasi e Marcello Prayer) è un Don Chisciotte gigante e Serra Yilmaz, ipnotica e comicissima, dà voce e corpo al fedele Sancho Panza.

Curato dallo stesso Niccolini e dai tre registi, il libro “Don Chisciotte” racconta la genesi e l’evoluzione di questo spettacolo attraverso documenti di diverso tipo: l’intero copione teatrale, lettere, fotografie di prova e bozzetti, insieme a racconti, schizzi e aforismi. Materiali che accompagnano il processo di creazione e che, man mano l’opera prende forma, passano dal tavolo al cassetto rischiando di finire nel dimenticatoio. L’idea del libro nasce proprio dalla volontà di valorizzare questo lavoro preparatorio, che a partire da dubbi, intuizioni, condivisioni, prove, ri-prove e ricerche porta alla versione definitiva dello spettacolo, così come può essere goduto dagli spettatori.

Per ogni città toccata dal tour nazionale del “Don Chisciotte”, gli autori del libro, insieme alla casa editrice Damocle Edizioni, hanno deciso di sostenere una realtà locale che si prende cura dei più vulnerabili. Il ricavato delle copie vendute durante la tappa pavese, in particolare, contribuirà all’accoglienza gratuita che AGAL offre ai bambini malati di tumore e alle loro famiglie in cura presso l’Unità Operativa di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico San Matteo. Sono famiglie che hanno difficoltà a permettersi un alloggio temporaneo durante il lungo periodo delle cure in Day Hospital e che, grazie ad AGAL, possono completare il percorso di cura del proprio bambino con la tranquillità di avere una casa in cui tornare dopo l’ospedale. Non si tratta solo di un posto in cui vivere, ma soprattutto di un luogo in cui trovare l’appoggio e la vicinanza di preziosi volontari che organizzano attività e giochi all’interno della casa e accompagnano i piccoli e le loro mamme in ospedale per le terapie.

I luoghi dell’ospitalità di AGAL a Pavia sono Casa Mirabello, grande edificio di 500 mq composto da spazi comuni e 10 camere con 23 posti letto, e 3 appartamenti indipendenti con un totale di 12 posti letto. Da maggio 2019, inoltre, la onlus gestisce Casa dei Melograni a Pietra de’ Giorgi, nell’Oltrepò Pavese, struttura in grado di accogliere 24 persone ospitata negli spazi dell’ex asilo parrocchiale di Castagnara e riqualificata dal Comune di Pietra de’ Giorgi nell’ambito del Progetto “La natura che cura”. In tutte queste strutture, solo nel 2019, AGAL ha offerto ospitalità completamente gratuita a 150 persone.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore