/ Attualità

Attualità | 12 marzo 2020, 18:22

Coronavirus, aumentano i contagi. L'assessore Gallera: «In due giorni 650 tra medici e infermieri ci hanno chiesto di combattere il virus con noi»

Un'altra giornata di casi in crescita in regione: sono 8725 i lombardi ad oggi risultati positivi, la metà è in ospedale. Crescono i guariti (1085), ma anche i decessi (744). In arrivo i rinforzi: «Cerchiamo personale e stanno rispondendo in massa»

Coronavirus, aumentano i contagi. L'assessore Gallera: «In due giorni 650 tra medici e infermieri ci hanno chiesto di combattere il virus con noi»

Continua la battaglia del sistema sanitario della Lombardia contro il Coronavirus: una battaglia che vede in crescita le persone contagiate, ma che vede impegnati tutti per resistere. E che vede tanti medici e infermieri pronti a combatterla per la salute di tutti noi. «Stiamo resistendo e la nostra battaglia la stiamo vincendo e vogliamo continuare a farlo» le parole dell'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera illustrando la situazione sanitaria in Lombardia «terra forte che sta resistendo con i denti».

Dopo un breve commento sul nuovo decreto del Governo, («sostanzialmente positivo, anche se migliorabile. Lo volevamo un po' più rigido, ma oggi è il momento di metterlo in pratica» ha ribadito Gallera) e sulla importanza dei controlli perché venga rispettato («abbiamo chiesto controlli severissimi») è stata la volta del punto sulla situazione sanitaria nella nostra regione. Dati purtroppo crescenti, perché «l'efficacia di queste misure - ha detto Gallera - le vedremo alla fine della prossima settimana, servono 14 giorni».

Ecco i numeri: «Sono ad oggi 8725 i lombardi risultati positivi (+ 1445 rispetto a ieri) non una crescita esponenziale ma costante. Sono 4247 quelli attualmente ricoverati (oltre 400 in più di ieri) una crescita leggermente più bassa di quella degli ultimi giorni. In terapia intensiva i pazienti sono 605 (+ 45), mentre i guariti sono saliti a 1085. Continuano ad aumentare i anche i decessi: 744 (+127 rispetto a ieri).

Gallera ha però sottolineato come la risposta del sistema sanitario a questi numeri si forte: «Abbiamo allestito - ha aggiunto Gallera - fino ad oggi 1067 posti di terapie intensive, ieri ne abbiamo aperti 120 in un solo giorno, un lavoro incredibile. E nei prossimi giorni ne arriveranno altri. Anche il sistema sanitario è stato adattato per sostenere gli ospedali più in difficoltà: abbiamo ricavato, ad esempio, 209 posti letto per mettere i pazienti che stanno meglio ma che non possono ancora essere dimessi».

Poi il dato più bello, quello del cuore dei nostri sanitari. «Medici e infermieri stanno rispondendo in massa alla nostra chiamata - conclude Gallera - sono tanti che ci stanno chiamando per chiedere di poterci dare una mano. Un decreto ci permette di assumerli velocemente: in due giorni ci sono arrivate 650 domande pervenute, persone che vogliono entrare in questa battaglia per giocarla fino in fondo. I primi 150 presto immessi nei circuiti ospedalieri che più ne hanno bisogno e per supportare i nuovi reparti che stiamo aprendo».

Tra queste ipotesi, ha confermato Gallera, c'è la possibilità concreta di «utilizzare la Fiera per organizzare, tramite moduli e container, aree in cui collocare letti di terapia intensiva. Ovviamente serve personale e respiratori» ha concluso Gallera.

redazione online Varese

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore