/ Territorio

Territorio | 12 marzo 2020, 15:19

Oltrepò: il bersagliere Luigi Colombi compie 100 anni

Oltrepò: il bersagliere Luigi Colombi compie 100 anni

Oggi è un giorno di festa per la Sezione UNIRR Stradella Oltrepò: uno dei “nostri” reduci, Luigi Colombi, ha raggiunto l’importante traguardo delle cento candeline. Ultimo di sei fratelli e sorelle, nacque a Castana, il 12 marzo 1920.

Fin dalla giovane si appassionò alla viticultura e si dedicò alla produzione di vini che lui stesso, già all’età di 15 anni, consegnava con il suo carro a Milano: proprio in questa città, qualche anno più tardi, venne chiamato a svolgere il servizio militare. Entrò a far parte del corpo dei bersaglieri e venne istruito all’uso della mitragliatrice. Successivamente iniziò una seria di trasferimenti: prima a Melegnano, per poi passare a Besozzo e tornare di nuovo nel capoluogo lombardo, quando la guerra era ormai alle porte. Venne dislocato a Cuneo, in attesa di essere schierato in Francia a supporto delle truppe tedesche. Dopo la resa francese venne nuovamente trasferito a Udine.

Con il XX battaglione bersaglieri, 8^ compagnia, partecipò all’occupazione di Spalato, arrivando a combattere sin in Dalmazia e in Albania. Tutti i trasferimenti venivano effettuati, come sempre, a bordo della sua bicicletta. Rientrato in Italia, partì immediatamente con lo CSIR per la Russia, il 24 luglio 1941. Partecipò alla conquista dei centri industriali di Donetsk e Rjkowo, alla conquista della linea Rassipnaja-Petropawlowka, e combatté nella sanguinosa Battaglia di Natale del 1941.

Nel maggio 1942, insieme ad altri reparti della divisione Celere, raggiunse il bacino minerario di Bocovo Atrazit e, dopo una marcia di 450 chilometri, riuscì ad arrivare sulla riva destra del Don il 29 luglio. Il 2 novembre il suo reggimento venne ritirato dalla prima linea per essere reintegrato, in quanto ridotto a quasi un quarto degli effettivi.

L’8 dicembre 1942 tornò a casa, a piedi, per trascorrere la convalescenza. Allo scadere della licenza decise di disertare e arruolarsi nelle forze partigiane, nella Divisione Matteotti di Cesare Pozzi (“Fusco”). Terminata la guerra, il 26 dicembre 1946 si sposò con Maria, dalla quale ebbe due figlie. Ancora oggi, dopo ormai un secolo, vive a Castana, nella sua abitazione in frazione Casa Colombi. Tanti auguri di Buon Compleanno, Caporale Colombi!

La Sezione UNIRR Stradella Oltrepò

L’UNIONE NAZIONALE ITALIANA REDUCI DI RUSSIA è un’associazione costituitasi a Roma, il 9 agosto 1946, presso lo studio del Notaio Dott. Ignazio Arcuri, per volontà dei reduci della Campagna di Russia. Al gruppo originario si aggiunsero successivamente ex-prigionieri appena rimpatriati, che diventarono il cuore pulsante dell’associazione. Con Decreto Ministero della Difesa del 20 novembre 1996 l’UNIRR viene riconosciuta come Ente Morale. L’attività dell’UNIRR, ha avuto fin dall’inizio l’obiettivo di fare piena luce sulle vicende dell’ARMIR (Armata Italiana in Russia) e sulla sorte dei militari che ne facevano parte, con particolare riguardo agli oltre 90.000 Caduti sul Fronte Russo. L’UNIRR si è battuta per decenni al fine di ottenere dal Governo russo la possibilità di riportare in Italia le salme dei Caduti. Grazie anche a questo impegno, a partire dai primi 1991 sono iniziate ad opera del Ministero della Difesa. attraverso ONORCADUTI, le esumazioni dai cimiteri campali di Russia e Ucraina, che hanno permesso il rientro in Italia di migliaia di salme di Caduti noti e non identificati.

La SEZIONE UNIRR DI STRADELLA nasce nella metà degli anni ’50 per volontà di alcuni reduci stradellini. Con la scomparsa di questi ultimi, il labaro viene conservato per diversi anni dalle Patronesse UNIRR Sacchi Anna e Ines Montini, fino al 2008, anno in cui viene consegnato al Gruppo Alpini di Stradella. Dopo decenni di inattività, il 29 dicembre 2018 presso la sala “Ugo Magnani” del Comune di Stradella, alla presenza del Vicepresidente Nazionale Vicario e del rappresentante del Sindaco di Stradella, la Dott. Federica Vannini, viene ufficialmente riattivata la sezione nominandola UNIRR SEZIONE DI STRADELLA OLTREPO’, in modo da darle più ampia rappresentanza. La Sezione è presieduta da Carlo Brandolini e ha sede a Castana, nei locali messi a disposizione dall’amministrazione comunale presso il palazzo municipale.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore