/ Attualità

Attualità | 10 maggio 2020, 21:53

Test sierologici, attesa per domani la delibera della Regione per eseguirli privatamente

Già da martedì nei laboratori attrezzati della Lombardia si potrebbero eseguire i test sierologici per scoprire se si è venuti a contatto con il Coronavirus e se si sono sviluppati gli anticorpi. E' già a disposizione di dipendenti e datori di lavoro il "contact tracing" per fare i tamponi in caso di sospetta positività

Test sierologici, attesa per domani la delibera della Regione per eseguirli privatamente

Dopo settimane di attesa, dovrebbe essere domani il giorno in cui Regione Lombardia sdoganerà finalmente i test sierologici, gli esami che attraverso il prelievo del sangue possono stabilire se si è venuti a contatto con il Coronavirus. Attraverso una delibera, la giunta detterà le linee guida per i centri e i laboratori che potranno iniziare subito ad eseguire i test che saranno esclusivamente quelli indicati e reputati più attendibili rispetto a quelli che si trovano comunemente sul mercato. 

«Test che però non sono esami diagnostici – precisa il consigliere regionale Emanuele Monti, che ha portato avanti la battaglia per liberalizzare i test – Hanno una valenza epidemiologica e possono togliere in molti il pensiero di essere venuti a contatto con il virus o se lo hanno contratto in maniera asintomatica». 

Lo screening vero lo dà solo il tampone e da giovedì Regione Lombardia ha messo in campo un altro strumento di monitoraggio importantissimo: il contact tracing che è a disposizione dei dipendenti e dei loro datori di lavoro e che permetterà di intercettare e gestire tempestivamente i casi di sospetti Covid-19.

Chiunque abbia una temperatura sopra i 37.5 gradianche se asintomatico, può contattare il suo medico di base e verrà subito preso in carico dal sistema sanitario e sarà sottoposto a tampone.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore