/ Attualità

Attualità | 15 maggio 2020, 13:16

Vigevano, il Club Rotary Mede Vigevano si ripete su Zoom: protagonista questa volta l'economia

Dopo la più che positiva esperienza digitale di fine aprile in cui si erano discusse tematiche di carattere medico tocca ora al caro e attuale problema economico

Vigevano, il Club Rotary Mede Vigevano si ripete su Zoom: protagonista questa volta l'economia

Il Rotary Club Mede Vigevano si ripete e organizza per martedì 19 maggio dalle 21 un meeting sulla piattaforma digitale Zoom dal titolo "Le attività economiche ai tempi del Covid-19". Dopo il successo virtuale dello scorso 28 aprile quando si era discusso con circa 120 persone collegate delle esperienze mediche e ospedaliere vissute a Vigevano e legate al Covid-19, ora è la volta dell'importante tematica economica, tornata attualissima dopo il decreto ministeriale dei giorni scorsi.

Le conseguenze della pandemia purtroppo ancora in atto sulle attività produttive e su tutta l’economia sono e saranno profonde e durature. Il Club Rotary presieduto da Francesco De Cataldo si è così voluto impegnare ad affrontare un argomento che inciderà inevitabilmente in modo determinante anche sui modi e sui mezzi con i quali poter ripartire.

Relatori principali saranno rappresentanti istituzionali locali dei settori di industria, artigianato e commercio. Avranno modo di spiegare al pubblico collegato su come le associazioni di categoria hanno affrontato e stanno attualmente gestendo la situazione e quali possano essere le prospettive nell'immediato futuro.  Prenderanno la parola Maria Vittoria Brustia di Confindustria, Luigi Grechi per Confartigianato, Renato Scarano di Ascom.

Seguiranno interventi programmati da parte di esponenti delle categorie medesime, che avranno modo di raccontare le proprie esperienze personali. E infine solito spazio dedicato alle domande della platea virtuale. Chi fosse interessato a partecipare potrà chiedere di ricevere il link di accesso inviando un messaggio al Segretario del RC Mede Vigevano, Luigi Ottobrini (3356474438), o al Prefetto, Massimo Villa (3489873681).

Andrea Pugno

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore