/ Cronaca

Cronaca | 29 maggio 2020, 14:52

"Sms su Covid mandati per errore a 400 persone", specifica Ats Milano

"Sms su Covid mandati per errore a 400 persone", specifica Ats Milano

“Sms mandati per errore a 400 persone. Sono stati scambiati due elenchi. Lo so, è un errore fastidioso, ma dopo poche ore sono stati ricorretti e le persone hanno ricevuto un’altra comunicazione”. Così Vittorio De Micheli, epidemiologo, direttore sanitario Ats Città Metropolitana Milano, ospite di 2 Mattino su Radio 24.

“L’epidemia qui è partita con numeri molto grandi e ancora adesso ha dei numeri molto grandi. In questa parte d’Italia, cioè Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Liguria, è concentrata la metà circa di tutti i contagi nazionali e credo che su questo debba fare una riflessione il Paese, non i singoli governatori.

Se il governo deciderà di ripartire tutte le Regioni ripartiranno perché il sistema nazionale di monitoraggio in questo momento non segnala un’anomalia né in Lombardia né in Piemonte né in Liguria né in Emilia Romagna”. Così Vittorio De Micheli, epidemiologo, direttore sanitario Ats Città Metropolitana Milano, sempre a Radio 24.

“E’ una decisione di carattere nazionale – aggiunge – le restrizioni non piacciono a nessuno e se colpiscono in maniera diversificata le regioni sono ancora più ingiuste e intollerabili. Raccomando una riflessione di Paese perché la pandemia è una questione nazionale. E’ stato dimostrato che il virus i confini non li rispetta”.

Articolo tratto dal nostro sito partner www.ticinonotizie.it

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore