/ Attualità

Attualità | 31 maggio 2020, 02:17

VIDEO. La Crew Dragon in orbita, è l'inizio di nuova era spaziale per la Nasa

Una straordinaria e storica diretta di Luca Ghirotto e Roberto Camagni dalla Società astronomica G.V. Schiapparelli del Campo dei Fiori di Varese, ci ha fatto vivere il lancio del razzo Falcon 9 da Cape Canaveral sulla prima navetta privata del geniale Elon Musk. Domenica alle 16.30 attraccherà alla Stazione spaziale internazionale

VIDEO. La Crew Dragon in orbita, è l'inizio di nuova era spaziale per la Nasa

Quel puntino luminoso che per arrivare dalla Florida ai cieli della Lombardia ha impiegato 21 minuti (erano le 21.43), e che si aspettavano di immortalare in alcune straordinarie fotografie anche dall'osservatorio astronomico del Campo dei Fiori situato nei pressi di Varese, alla fine è volato via sulle nuvole come un lampo a causa del cielo nuvoloso e del brutto tempo, continuando la sua rotta verso la Stazione spaziale internazionale dove attraccherà domani alle ore 16.30 italiane.

La magnifica ed entusiasmante diretta live della Società Astronomica G.V. Schiapparelli condotta da Luca Ghirotto e Roberto Camagni ci ha tenuto compagnia per un'ora e 14 minuti - ve la riproponiamo qui sotto - e ci ha fatto vivere purissime emozioni da Cape Canaveral, dove alle ore 21.22 dalla rampa 39A è partito il razzo Falcon 9 della SpaceX con a bordo Bob Behnken e Doug Hurley

Per la prima volta dalla fine del programma Shuttle, e cioè dal 2011gli Usa hanno riportato astronauti in orbita dal suolo americano. Di più: è la prima missione spaziale di sempre effettuata attraverso una navicella privata, costruita appunto dalla SpaceX del geniale Elon Musk che sogna una nuova frontiera dell'industria aerospaziale con l'obiettivo di sbarcare su Marte.

Luca e Roberto ci hanno entusiasmato nel momento del lancio e del conto alla rovescia da pelle d'oca («Immaginate cosa stanno provando gli astronauti. Il lancio lo si vede bene anche dall'altro lato della costa della Florida»); dopo 2 minuti e 33 secondi è stato spento il motore del primo stadio, che si è separato dalla Crew Dragon ed è poi atterrato sulla piattaforma in mare nell'oceano atlantico con le dimensioni di un campo da baseball («E' come tenere una matita perfettamente in equilibrio dal punto più basso», e poi «atterraggio perfetto dallo spazio!»), mentre il secondo stadio ha proseguito il suo viaggio spaziale.  

L'attracco alla Stazione spaziale internazionale è previsto per le 16.30 italiane di domani, domenica 31 maggio: «Siamo entrati nella storia, e domani lo faremo ancora - hanno concluso Luca e Roberto - nel momento dell'attracco ci sarà infatti un colpo di scena perché Elon Musk è un maestro delle sorprese e non si accontenterà certo di avere a bordo un pupazzetto... Magari lo stesso Musk si sarà nascosto sulla navicella e a un certo punto spunterà fuori». Godiamoci la notte, mentre la Dragon avanza nello spazio, ultima frontiera.  

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore