/ Attualità

Attualità | 21 giugno 2020, 20:40

Zanardi ancora in prognosi riservata, saranno cruciali le prossime ore

Sono passati due giorni dal terribile incidente dove Alex Zanardi è rimasto gravemente ferito. Il campione è ancora stabile, c'è speranza e fiducia

Zanardi ancora in prognosi riservata, saranno cruciali le prossime ore

Sono passate 48 ore dall'impatto contro il camion in cui a bordo della sua handbike Alex Zanardi, 53 anni atleta paralimpico, è rimasto gravemente ferito. Due le notti trascorse in terapia intensiva all'ospedale Le Scotte di Siena dove è stato ricoverato, operato alla testa e dove continua la sua battaglia, l'ennesima.

Secondo i medici che lo stanno curando Zanardi per adesso è stabile, non ci sono state complicazioni ma neanche miglioramenti. "Resta il rischio di eventi avversi", hanno spiegato gli specialisti del policlinico senese che lo hanno in cura dopo il terribile incidente.

Ma c'è il tempo gioca però a favore del campione, sempre sedato, intubato e ventilato meccanicamente. Come ha detto ai giornalisti il direttore del dipartimento emergenza urgenza dell'ospedale senese Sabino Scolletta "il dato positivo è che il tempo passa e le condizioni restano stabili, questo ci fa ben sperare". Colletta ha anche dichiarato che se le condizioni restano stabili "sarà possibile anche valutare la situazione neurologica di Zanardi". La speranza dei medici è quella di poterlo svegliare dal coma farmacologico per avere risposte su eventuali danni neurologici.

Le indagini intanto vanno avanti: nella mattinata di oggi i carabinieri hanno messo sotto sequestro il cellulare e la handbike di Alex Zanardi per alcuni controlli, secondo i video e alcuni testimoni oculari raccontano che Alex aveva le mani ben salde sui manubri della sua handbike, al momento dell'impatto. Alcuni ciclisti si sono presentati all'ospedale Le Scotte e hanno appeso uno striscione con la scritta: "Forza Alex!", un messaggio di speranza che arriva da tutta Italia.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore