/ Attualità

Attualità | 15 settembre 2020, 16:51

Presentazione della nuova Tecnologia Ecografica 4D real

In dotazione all’Unità Operativa di Ginecologia ed Ostetricia dell’Ospedale Unificato Broni-Stradella

Presentazione della nuova Tecnologia Ecografica 4D real

Nelle scorse ore presso la Sala Riunioni dell’Ospedale Unificato Broni-Stradella, alla presenza del Direttore Generale di ASST, dott. Michele Brait, avrà luogo la presentazione del nuovo Ecografo Voluson E6, che potenzia la dotazione della Ginecologia ed Ostetricia dell’Ospedale medesimo.

L’Ecografo Voluson E6, prodotto dalla General Electric Healthcare, abbina una tecnologia avanzata di sonde con un’innovativa architettura hardware e software. Infatti, la piattaforma e le sonde operano in sinergia, elaborando dataset da punti diversi e in tempo reale, per fornire un’eccezionale qualità d’immagine e garantire velocità e potenza elevate.

Il sistema memorizza un certo numero di sezioni ed effettua il cosiddetto “rendering“, che consente di ottenere un’immagine tridimensionale estremamente accurata. Punto di forza del Voluson E6 è l’ecografia 4D per la quale vengono utilizzate delle sonde volumetriche, che sono in grado di acquisire 25-30 fotogrammi al secondo senza movimento della sonda; ne consegue una visualizzazione in movimento ed in tempo reale dell’immagine tridimensionale.

Il nuovo ecografo presenta un design ergonomico, che aiuta a semplificare l'interazione degli utenti con il sistema e garantisce un comfort ottimale durante la scansione. Inoltre, è stato riconosciuto per il suo design responsabile dal punto di vista ambientale e per essere tra i sistemi ad ultrasuoni più efficienti e più puliti nell’industria.

L’Unità Operativa di Ginecologia ed Ostetricia, dove la nuova tecnologia ecografica entrerà in dotazione, fornisce assistenza ostetrica e ginecologica in regime di ricovero ordinario, di Day Hospital e ambulatoriale; svolge, inoltre, attività ostetrica con particolare sviluppo della diagnosi prenatale e attento monitoraggio della gravidanza sia essa fisiologicache a rischio.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore