/ Cronaca

Cronaca | 02 marzo 2021, 10:01

Il popolo della notte piange il suo re: è morto il grande dj Claudio Coccoluto

Il popolo della notte piange il suo re: è morto il grande dj Claudio Coccoluto

Il popolo della notte è in lutto. E’ morto poche ore fa a Cassino Claudio Coccoluto, uno dei piu’ noti dj italiani. L’artista – come ricorda Il Corriere della Sera – combatteva da piu’ di un anno contro una malattia.

“Se ne va il maestro piu’ grande e l’amico di sempre – ricorda ricorda il suo amico e socio Giancarlo Battafarano, in arte Giancarlino -. Ha dato cultura alla musica nei club come dj e artista fuori dal coro. Sempre pronto a metterci la faccia con i media sia per gli aspetti gioiosi sia per i problemi del nostro settore. Con lui se ne va una parte di me”.

Ha iniziato a fare il deejay a 13 anni, per hobby, nel negozio di elettrodomestici del padre a Lungomare Caboto a Gaeta, città dalla quale proviene. Dal 1985 questa diventa la sua professione. Le sue prime esperienze sono al Seven Up di Gianola e all’Isteria di Roma. Il suo genere è una variante della musica elettronica da lui definita “Underground”

Negli anni novanta ha conosciuto un celebre deejay (Cesare Tripodo alias Dj Trip), scomparso nell’ottobre del 1991, con lui ha condiviso e partecipato a diversi eventi, come il DMC svoltosi al Kiss Kiss di Napoli. Coccoluto partecipa frequentemente a eventi di livello europeo; ha lavorato al Sound Factory di New York. Grande appassionato di tecnologia e maniaco della Apple. Dj di livello internazionale (suona a Londra, a Ibiza per Made in Italy, a Formentera al suo Sueno, a Roma al suo Goa, etc) da un bel pò di anni, aveva rarefatto un pò i suoi impegni per far si che ogni data fosse in qualche modo un evento.

Articolo tratto dal sito partner www.ticinonotizie.it

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore