/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Attualità | 22 marzo 2021, 15:28

Meteo Lombardia, bilancio di un inverno a due velocità

Dopo tanta pioggia e neve a dicembre e gennaio, febbraio è stato tra i più “caldi” dell’ultimo secolo

Meteo Lombardia, bilancio di un inverno a due velocità

In Lombardia, l’inverno 2020-2021 sarà ricordato per la tanta pioggia – e la neve abbondante sulle Alpi – di dicembre e gennaio, ma anche per le temperature molto miti e talvolta record della seconda metà di febbraio. Il Servizio Idro-Nivo-Meteorologico di Arpa Lombardia traccia un bilancio complessivo sulla stagione appena conclusa.

Prendendo come riferimento la temperatura media registrata a Milano, l’inverno appena trascorso è complessivamente paragonabile a quelli dell’ultimo decennio, salvo le normali oscillazioni visibili da un anno all’altro. Diversa la valutazione se si spazia verso gli anni 90’, dal cui confronto è invece evidente una generale tendenza al riscaldamento su lungo periodo. È altresì interessante notare come alcuni picchi simili a quelli dell’inverno 2006-2007 si ripresentino con maggior frequenza dopo il 2013.

Il valore di quest’anno è il risultato di una stagione ricca di avvenimenti meteo sulla nostra regione. 

A cominciare da un dicembre particolarmente perturbato e a tratti freddo - specie nei primi giorni e poi prima di Capodanno con l’abbondante nevicata fino in pianura - seguito da un gennaio con nuove perturbazioni e due distinte ondate di freddo. A Milano, dicembre è stato il più piovoso dal 1997, mentre sulle Alpi si è registrata una stagione ricca di neve anche a bassa quota, con quantitativi vicini ai record degli ultimi 20 anni tra i 1300 e i 2000 metri di quota.

Anomalo, al contrario, febbraio, che si colloca tra più “caldi” dell’ultimo secolo. Con una sola ondata di freddo a metà mese, il mese si è aperto e chiuso con temperature di valore medio complessivo elevato. C’è un record da registrare per la stazione di Milano Brera, che il giorno 27 ha rilevato ben 11.5 °C di temperatura minima, valore tipico della seconda metà di aprile.

Secondo le previsioni, nei prossimi giorni il tempo sarà più mite e consono al periodo. L’aumento delle temperature massime durante il giorno, registrato da lunedì scorso, sembra potersi confermare fino al termine di marzo e probabilmente anche oltre l’inizio di aprile. 

In settimana, è previsto ancora un po’ di freddo al mattino con locali gelate al di fuori dei centri urbani di pianura e sulle nostre montagne.

Per approfondimenti:

La rete di stazioni con dati in tempo reale: iris.arpalombardia.it

Le previsioni meteo aggiornate online: www.arpalombardia.it/meteo

Bollettino Neve e Valanghe: https://www.arpalombardia.it/Pages/Neve-Valanghe-Ghiacciai/Neve,-Valanghe-e-Ghiacciai.aspx

 

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore