/ Attualità

Attualità | 26 marzo 2021, 11:33

A Milano e in tutta Italia scendono in piazza tassisti e ristoratori

'Perdite di fatturato del 50% anche nel 2021'

A Milano e in tutta Italia scendono in piazza tassisti e ristoratori

Scendono in piazza oggi, lanciando l’hashtag #blocchiamolitalia, le imprese di Tni Horeca Italia, che hanno deciso di unirsi ai tassisti e, insieme a loro, commercianti e partita Iva, per una manifestazione nazionale di protesta contro le misure insufficienti messe in campo dal governo Draghi.

La mobilitazione coinvolgerà diverse città italiane. Un lungo serpentone di taxi e mezzi privati si muoverà lento lungo i viali principali di Milano (partenza avvenuta alle ore 8.30 da piazza Luigi di Savoia) Torino, Bologna, Firenze (ore 10 da via Simone Martini e conclusione in piazza Signoria), Perugia (ore 14, piazzale Umbria Jazz), Foggia.

In segno di protesta i commercianti della rete ‘Esistiamo’, alle 10, suoneranno gli allarmi dei loro negozi.

”Dopo un anno di pandemia, nulla è cambiato. Ancora una volta siamo stati presi in giro da tutte le forze politiche. Il Governo deve risarcire i danni subiti dalle nostre aziende, dovute alle chiusure e alle restrizioni anti contagio. Abbiamo già fatto ricorso contro la presidenza del Consiglio e attendiamo l’udienza del 4 giugno, ma nel frattempo abbiamo deciso di tornare nelle piazze, unendoci ai tassisti e ai commercianti in questa legittima protesta”, afferma Pasquale Naccari, presidente di TNI Horeca Italia.

“Il decreto legge Sostegni -sottolinea- è una delusione. Arriveranno briciole, totalmente insufficienti a salvare le nostre imprese.

Intanto continuiamo a pagare tasse, contributi, utenze e non ce la facciamo più”. ”Ci rivolgiamo a tutte le categorie e ai dipendenti delle nostre aziende, sfiniti dai ritardi della cassa integrazione. Uniamoci e blocchiamo l’Italia”, è l’appello di Naccari, che annuncia: “In mancanza di risposte concrete, la mobilitazione andrà avanti a oltranza”. 

“Abbiamo aderito alla protesta lanciata da tassisti e ristoratori -commenta Monica Coppoli, portavoce dei commercianti di Esistiamo- perché anche noi siamo insoddisfatti delle misure del Governo Draghi. In questo 2021 stiamo viaggiando con un 40-50% di fatturato in meno rispetto al periodo pre-pandemia, ma le spese sono aumentate. Da qui all’estate rischia di chiudere un’attività su quattro. Va peggio per i negozi di abbigliamento, che hanno risentito più di tutti: chiuderanno due su quattro”.

Articolo tratto dal sito partner www.ticinonotizie.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore