/ Attualità

Attualità | 23 aprile 2021, 15:04

Lombardia verso la riapertura, ci siamo: da lunedì si torna in zona gialla

Salvo sorprese oggi la cabina di regia nazionale darà l'ok al passaggio della nostra regione nella fascia di minori restrizioni dal 26 aprile. Ecco cosa si potrà fare e che cosa no

Lombardia verso la riapertura, ci siamo: da lunedì si torna in zona gialla

Lombardia in zona gialla da lunedì prossimo. Manca solo l'ufficialità, ma secondo quanto trapela dalla cabina di regia e come riportato dai principali media nazionali, la nostra regione tornerà nella fascia di minori restrizioni dal prossimi 26 aprile. La conferma ufficiale del passaggio in giallo, già anticipato nei giorni scorsi dal governatore Attilio Fontana, arriverà nel pomeriggio salvo improbabili sorprese. Una situazione condivisa dalla maggioranza delle regioni italiane: in rosso dovrebbe restare la sola Sardegna, mentre Valle d'Aosta e Puglia dovrebbero passare in arancione.

Ecco un riepilogo di cioè che sarà consentito fare e che cosa invece no in zona gialla.

COPRIFUOCO
Resta attivo il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino su tutto il territorio nazionale. Consentito uscire di casa in quella fascia solo per esigenze di lavoro, salute e urgenza.

BAR E RISTORANTI
Dal 26 aprile, in zona gialla, sono consentite le attività dei servizi di ristorazione con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto, anche a cena, nel rispetto dei limiti orari. Dal 1° giugno, in zona gialla, le attività dei servizi di ristorazione sono consentite anche al chiuso, con consumo al tavolo, dalle 5 alle 18.

VISITE A PARENTI E AMICI 
Dal 1° maggio al 15 giugno 2021, in zona gialla e, in ambito comunale, nella zona arancione, è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, nel rispetto dei limiti orari agli spostamenti e nel limite di quattro persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minorenni sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone con disabilità o non autosufficienti conviventi. Lo spostamento non è consentito nei territori in zona rossa.

SCUOLE
Dal 26 aprile attività in presenza per tutte le scuole: infanzia, primarie e secondarie. Le superiori: in zona rossa dal 50% al 75% in presenza. In zona gialla e arancione dal 70% al 100% in presenza. Per le università nelle zone gialle e arancioni le attività si svolgono prioritariamente in presenza.

PALESTRE E PISCINE
Dal 26 aprile 2021, in zona gialla, è consentito lo svolgimento all’aperto di qualsiasi attività sportiva anche di squadra e di contatto. È comunque escluso l’uso di spogliatoi. Dal 15 maggio, in zona gialla, sono consentite le attività di piscine all’aperto. Dal 1 giugno 2021, in zona gialla, saranno consentite le attività di palestre.

CINEMA E TEATRI
Dal 26 aprile, in zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale.La capienza consentita non può essere superiore al 50% di quella massima autorizzata e il numero massimo di spettatori non può comunque essere superiore a 1.000 per gli spettacoli all’aperto e a 500 per gli spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore