/ Cronaca

Cronaca | 23 giugno 2022, 13:54

Robecco, maltrattamenti in famiglia: dopo il rinvio a giudizio del padre, tolti i figli alla mamma

Robecco, maltrattamenti in famiglia: dopo il rinvio a giudizio del padre, tolti i figli alla mamma

Si tinge di contorni sempre più tristi il caso di maltrattamenti in famiglia che vedrà un uomo di 49 anni di Robecco sul Naviglio presentarsi il prossimo 11 luglio davanti al giudice presso il Tribunale di Pavia per la prima udienza dibattimentale.

L’altro giorno il Tribunale per i minorenni di Milano è intervenuto con un provvedimento che, di fatto, ha tolto i 4 bambini alla madre Chiara di 38 anni che, nel frattempo, ha cambiato residenza andando a vivere in un comune del pavese e che, da un nuovo compagno, ha avuto una bimba che ora ha soltanto due mesi. Bimba tolta anche lei ai genitori dal Tribunale e trasferita in una località segreta insieme agli altri quattro di età tra i 4 e i 13 anni.

«Ci troviamo di fronte ad un caso nel quale le prime vittime sono i bambini – ha commentato l’avvocato Susanna Marangoni – la più piccola soltanto due mesi e già costretta a subire un allontanamento dalla propria madre».

Se a luglio la madre si costituirà parte civile nel processo per maltrattamenti essendo stata considerata vittima di umiliazioni, offese e parolacce, insieme ai bambini, (reati continuati, secondo la Procura, per un anno intero a cavallo tra il 2018 e il 1019), adesso il Tribunale per i Minorenni tratteggia un quadro diverso decidendo di intervenire con urgenza a tutela dei minori. Un quadro nel quale anche lei e il nuovo compagno non sarebbero in grado di garantire un futuro dignitoso a 5 bambini e ne ha così limitato la responsabilità genitoriale.

«La ricostruzione che hanno fatto è tutta da dimostrare e la contestiamo in ogni modo – ha commentato la donna – Ad oggi non posso sapere dove si trovano i miei bambini che hanno prelevato durante il centro estivo. Venerdì verranno accompagnati al mare per alcuni giorni di vacanza e mi dicono soltanto che si stanno inserendo bene. Spero solo che tutto finisca al più presto e loro possano tornare a casa con me».

Tratto da TicinoNotizie.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore