/ Economia

Economia | 17 gennaio 2023, 16:24

Accordo Whirlpool con i turchi di Arcelik. I sindacati: «Il Governo intervenga per garantire l'occupazione»

In una nota unitaria, Fim, Fiom e Uilm nazionale commentano preoccupati l'annunciata intesa: «Tutte le operazioni di questo tipo comportano forti rischi occupazionali, chiediamo con urgenza la convocazione di un tavolo ministeriale». Quali novità riserverà il futuro per Cassinetta e magari anche per il sito di Comerio dismesso?

Accordo Whirlpool con i turchi di Arcelik. I sindacati: «Il Governo intervenga per garantire l'occupazione»

L'annuncio di stamattina dell'avvenuto accordo tra Whirlpool e il gruppo turco Arcelik, che daranno vita ad una piattaforma europea degli elettrodomestici, controllata al 75% dai turchi ha ovviamente scatenato la reazione dei sindacati della categoria dei metalmeccanici.

Una partita decisiva anche per l'economia e il mondo produttivo della provincia di Varese per la presenza di un polo del calibro di Cassinetta di Biandronno e anche dello stabilimento dismesso di Comerio dove fino a qualche anno fa sorgeva il centro direzionale Emea. 

Secondo l'accordo raggiunto, Whirlpool trasferirà il business europeo dei grandi elettrodomestici con i sette stabilimenti e tutta la forza lavoro, mentre Arcelik conferirà due stabilimenti produttivi presenti in Romania. 

Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil nazionali non nascondono la loro preoccupazione.

«Tutte le operazioni di questo genere comportano forti rischi industriali e occupazionali a causa delle cosiddette sinergie e ottimizzazioni di costi - si legge in una nota unitaria dei sindacati - di fatto nel comunicato Whirlpool lo ha già previsto quando dice che si prevede che le attività combinate genereranno sinergie di costi per oltre 200 milioni di euro».

I rappresentanti dei lavoratori chiedono garanzie precise a tutela del lavoro.

«Chiediamo con urgenza la convocazione di un tavolo ministeriale dove il Governo confermi con i fatti che l'elettrodomestico rappresenta un settore manifatturiero strategico per il nostro Paese - proseguono Fim, Fiom e Uilm - è necessario avere garanzie sul mantenimento occupazione dei 4.700 dipendenti e industriale con tutti gli stabilimenti e i centri ricerca. E' necessario che il ministro Urso definisca le garanzie occupazionali e industriali sia da Arcelik che da Whirlpool nei prossimi mesi, prima della costituzione della nuova società».

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore