/ Cronaca

Cronaca | 30 gennaio 2023, 19:21

Abbiategrasso: finisce in carcere per cessione di cocaina e marijuana, ma la voce intercettata non era la sua

Abbiategrasso: finisce in carcere per cessione di cocaina e marijuana, ma la voce intercettata non era la sua

È stato sottoposto a custodia cautelare in carcere per cessione di cocaina e marijuana. Ma la voce intercettata con i trojan non era la sua e il giudice lo ha dovuto scarcerare.

La sezione del riesame presso il Tribunale di Torino ha annullato l’ordinanza del Gip del tribunale di Vercelli emessa il 5 gennaio di quest’anno ed eseguita il 12 di questo mese nei confronti di un uomo di 41 anni nato in Albania accusato di concorso in spaccio di marijuana e cocaina con altre due persone.

Le cessioni, secondo gli investigatori erano avvenute a Casale Monferrato e ad Abbiategrasso.

L’uomo era finito nei guai a causa di intercettazioni ambientali utilizzando i malware trojan. Ma il suo difensore, l’avvocato Roberto Grittini, ha proposto istanza di riesame dalla quale è emerso che la voce intercettata era diversa da quella del suo assistito.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore