/ Cronaca

Cronaca | 20 marzo 2023, 13:31

Iva evasa per 960mila euro, per una società di costruzioni scatta il sequestro di autoveicoli, denaro e immobili

Blitz della Guardia di Finanza di Pavia

Iva evasa per 960mila euro, per una società di costruzioni scatta il sequestro di autoveicoli, denaro e immobili

La Guardia di Finanza di Pavia, al termine di un'articolata attività di polizia economico-finanziaria, ha scoperto e posto fine ad un meccanismo fraudolento volto alla sistematica evasione fiscale attuata da una società bresciana operante nel settore della costruzione di edifici che, attraverso l'emissione e l'utilizzo di fatture false e l'indebita compensazione di crediti IVA inesistenti, non ha versato all'Erario l'Imposta sul Valore Aggiunto per circa un milione di euro.

Le indagini hanno permesso alla Procura della Repubblica di Pavia di richiedere il sequestro preventivo di denaro contante, immobili ed autoveicoli nella disponibilità della società bresciana e dell'amministratore per un valore di oltre 960 mila euro. Il GIP presso il Tribunale di Pavia ha quindi emesso il decreto di sequestro eseguito, su delega della Procura, dalla Guardia di Finanza di Pavia.

In particolare, il Gruppo della Guardia di Finanza di Pavia ha avviato una verifica fiscale nei confronti della citata società pavese ed ha dimostrato come la stessa fosse una mera "scatola vuota" costituita al solo fine di emettere fatture false, ha poi analizzato l'esigua documentazione contabile rinvenuta, operato il riesame dei conti della società e ricostruito tutti i rapporti commerciali intercorsi con la società di costruzioni bresciana. Approfondendo ogni singola operazione commerciale ed incrociando i dati delle fatture, i finanzieri sono riusciti a ricostruire l'intero ciclo aziendale.

Al termine degli accertamenti, è stato constatato come le operazioni commerciali effettuate tra la società con sede a Pavia e quella bresciana negli anni di imposta 2020 e 2021, fossero avvenute attraverso l'emissione e l'utilizzo di fatture false consentendo quindi un'evasione fiscale milionaria (importo totale dell'imponibile delle fatture false emesse  2.669.380 euro ed utilizzate 2.546.406 euro).

Gli amministratori delle società (entrambe società a responsabilità limitata) sono stati quindi denunciati all'Autorità Giudiziaria pavese per emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti ed il legale rappresentante della società bresciana è stato altresì segnalato alla Procura della Repubblica di Pavia per aver compensato illecitamente crediti IVA totalmente inesistenti per 431.433 euro.

Le attività eseguite dal Gruppo della Guardia di Finanza hanno consentito dunque di ricostruire un consistente giro d'affari che, attraverso l'indebito risparmio di imposta, consentiva alla società di costruzioni bresciana di ottenere un ingiusto vantaggio concorrenziale a discapito delle imprese oneste operanti nel medesimo settore.

L'operazione della Guardia di Finanza di Pavia, si colloca in un ampio dispositivo di controllo economico del territorio svolto su tutta la provincia che mira a limitare gli effetti distorsivi della concorrenza e del mercato provocati dalla grande evasione fiscale.

Si evidenzia che il procedimento penale verte ancora nella fase delle indagini preliminari e che la responsabilità degli indagati sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore