/ Economia

Economia | 23 marzo 2023, 14:43

LA STORIA. La famiglia Lunelli (cantine Ferrari) si "beve" la storica Cedrata Tassoni

LA STORIA. La famiglia Lunelli (cantine Ferrari) si "beve" la storica Cedrata Tassoni

“La cedrata Tassoni è stata un sogno per lungo tempo. La prima volta che visitai l’azienda era il 2007 e fui subito affascinato da questi alambicchi, da questo meraviglioso stabilimento nel cuore di Salò, un paesino bellissimo sulle rive del Lago di Garda.

Ma allora non erano maturi i tempi. Poi, quando nel 2020 si è ripresentata l’occasione, come famiglia e come team eravamo convinti che fosse una realtà perfetta per noi e non abbiamo avuto dubbi”.

La storia della Tassoni e del gruppo Lunelli inizia nel 2021, con l’acquisizione, dopo un lungo corteggiamento da parte dell’amministratore delegato del gruppo di famiglia, Matteo Lunelli, che in questa azienda con 230 anni di storia sulle spalle ha intravisto non solo una perla dell’imprenditoria italiana ma anche potenzialità e opportunità di crescita, soprattutto all’estero. L’ambizione è quella di fare di Tassoni “il marchio del luxury soft drink italiano – racconta Lunelli – sinonimo di bibite italiane di eccellenza non solo nel nostro Paese ma nel mondo”.

“Questo è un marchio perfetto per il gruppo Lunelli che vuole raccontare l’eccellenza del bere italiano – spiegava qualche tempo fa – e Tassoni può essere il marchio di bibite italiane di eccellenza di riferimento. La cedrata è il cuore di tutta la tradizione di questa azienda, ma accanto alla cedrata ci sono etichette nuove come la tonica, il chinotto che hanno la possibilità di proporsi in Italia e nel mondo come bibite di eccellenza”.

La storia di questa azienda, intimamente legata al territorio in cui è nata, le rive del Lago di Garda, risale al 1793: in quell’anno la spezieria nata a metà del 700 viene riconosciuta farmacia e inizia la prima distillazione degli agrumi che all’epoca venivano coltivati nelle campagne intorno al lago. Sarà solo alla fine dell’800 che la produzione assumerà una dimensione industriale, con la separazione della farmacia dalla distilleria e la nascita dell’acqua di tutto cedro.

Negli anni ’20 del secolo scorso arriva la prima cedrata Tassoni, uno sciroppo da bere diluito in acqua. Trent’anni dopo, è il 1956, il passaggio dallo sciroppo alla bibita, con la cedrata “già pronta nella sua dose ideale”, una bottiglietta di vetro da 180 millilitri che sarà capace di cavalcare il boom dei consumi di bevande gasate. Ma dietro questa bibita, che ha conquistato un posto nell’immaginario collettivo anche grazie alla sua storia comunicativa, dalle affissioni ai Carosello coi jingle di Mina, c’è una tradizione secolare che dalla metà dell’800 appartiene anche alle campagne del Sud del Paese.

DALLA CALABRIA A SALO

’E’ da lì che arrivano ancora oggi i cedri, con un viaggio che inizia esattamente a Santa Maria del Cedro, in Calabria, dove la varietà Diamante di questo agrume, a poche ore dalla raccolta, viene inviata per la lavorazione nello stabilimento di Salò. Qui in un alambicco in rame del 1939 avviene la distillazione dell’aroma idroalcolico, dopo un periodo di infusione della scorza dei cedri raccolti ancora acerbi.

A questo punto l’essenza è pronta per la miscelazione seguendo alla lettera una ricetta segreta “custodita gelosamente in cassaforte – ricordava Matteo Lunelli – che la precedente proprietà ci ha consegnato nel momento dell’acquisizione. E’ una ricetta che anche in azienda conoscono solo le due persone che devono applicarla e che rappresenta l’unicità tramandata nei secoli”. E se fin qui c’è la storia e il presente di questa bevanda iconica del made in Italy, nel futuro “c’è una crescita che deve essere costruita sulle solide basi di questa azienda”.

A partire dalla sede storica: “Le rive del lago di Garda sono dove la Tassoni è nata, qui è la Tassoni e qui rimarrà – assicurava Lunelli – perchè l’eccellenza del made in Italy è sempre legata a tradizioni territoriali e noi vorremmo che la cedrata Tassoni servita nel mondo porti anche il sapore di queste rive del lago di Garda”.

I piani di sviluppo guardano molto all’estero dove “ha enormi opportunità e vogliamo farla diventare ambasciatrice del made in Italy anche attraverso l’ampliamento della gamma”, costruendo la forza della marca nell’horeca. Lo spazio per crescere del resto c’è, non solo sul mercato: lo stabilimento, dove nascono circa 22 milioni di bottiglie l’anno di cui il 90% resta in Italia, oggi ha una capacità produttiva inespressa e se fosse necessario potrebbe essere ampliato ulteriormente. Per cogliere le opportunità intraviste da Matteo Lunelli, che potranno scrivere il futuro di questa azienda con 230 anni di storia sulle spalle.

 

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore