/ Cronaca

Cronaca | 16 aprile 2023, 12:20

Incursione e micia uccisa. Grave episodio al gattile di Rho

La gatta sarebbe stata presa a calci e poi coperta con dei rami. All’appello mancano cinque mici. Lo sdegno dell’amministrazione comunale: «Dura condanna a ogni forma di violenza»

Incursione e micia uccisa. Grave episodio al gattile di Rho

La sera di venerdì 14 aprile ignoti sono entrati, dopo aver forzato le recinzioni, in alcune parti del gattile gestito da Dimensione Animale in via Turati a Rho. Aprendo le porte hanno fatto scappare sei dei gatti (una trentina in tutto) accuditi dai volontari. Una di loro, una micia bianca e nera di 10 mesi, chiamata Clara, è stata trovata morta il mattino successivo: il Comune riferisce che chi è entrato nell’area l’ha presa a calci, forse colpita ferocemente con il manico di una paletta, arrivando a ucciderla, quindi l’ha presa, portata in uno spazio verde poco distante e coperta con rami di pino per evitare che fosse trovata.

Sul posto, quando i volontari il mattino successivo si sono resi conto dell’incursione, sono accorsi gli agenti della Polizia locale, i carabinieri di Rho e il Nucleo Guardie Zoofile, che hanno supportato la presidente dell’associazione, Paola Barbieri, nello sporgere denuncia contro ignoti al commissariato di Polizia di Rho.

Là dove la micia è stata colpita erano rimaste tracce di sangue che i maldestri assalitori non hanno pensato di rimuovere. Ancora non ci sono tracce degli altri cinque mici che non si trovano più nel gattile. Sui resti di Clara è stata effettuata l’autopsia da parte di un veterinario: si sono riscontrati traumi e fratture legati a percosse, conferite a calci o con qualche bastone. Non ci sono tracce di tagli, ma nella coperta usata per avvolgere la micia è stato anche trovato il manico di un coltello.

Il sindaco di Rho, Andrea Orlandi, si è recato sabato pomeriggio al gattile per esaminare la situazione e dialogare con Dimensione Animale. «Pensavamo di avere visto il peggio con l’incendio del 2018, ora assistiamo a una violenza inaudita – il commento della presidente Paola Barbieri – A volte abbiamo trovato segni di sassate contro la recinzione, ma nessuna incursione. Ora questo episodio ci appare gravissimo e ha sconvolto tutti noi. Ringraziamo coloro che si sono proposti di aiutarci a riparare i danni che abbiamo subito e tutti coloro che ci stanno manifestando vicinanza e solidarietà, tra questi le altre associazioni animaliste del territorio e alcuni ortisti vicini».

Il sindaco raccoglie l’appello dei volontari e lo rivolge a tutti i cittadini: «Chiunque abbia visto o sentito qualcosa, è pregato di segnalarlo alle Guardie Zoofile, al numero 349-8311741, oppure a Dimensione Animale, al numero 349-8678586. Nell’area è stata trovata una bacinella di colore azzurro sporca di sangue, chi avesse visto qualcuno che la spostava nella zona si faccia avanti».

«Sono rimasto profondamente colpito da quanto avvenuto al gattile, ogni forma di violenza è da condannare con forza – commenta il primo cittadino Andrea Orlandi – Maltrattamenti crudeli come questi sono inaccettabili. Confidiamo che le forze dell’ordine risalgano ai colpevoli e che la giustizia faccia il suo corso. Rivolgo anche io un appello: violenza non chiami violenza, nemmeno verbale. Azioni come quelle subite dai mici del gattile sono riprovevoli ma anche nei commenti che circolano già sui social invito a mantenere toni civili. Molto probabilmente si è trattato di una bravata terminata con conseguenze non previste dagli stessi autori, attendiamo tutti i riscontri per capire come siano andate le cose».

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore