/ Cronaca

Cronaca | 24 giugno 2024, 18:21

Milano: investe in auto e trascina una ragazza per 300 metri, denunciato. Rischia il linciaggio

L'incidente stradale è avvenuto domenica sera intorno alle 22 in zona Bovisa a Milano. L'autista, risultato positivo all'alcol test, è stato denunciato a piede libero

Milano: investe in auto e trascina una ragazza per 300 metri, denunciato. Rischia il linciaggio

Ha travolto due ragazze sulle strisce pedonali trascinandone una per circa 300 metri sotto l’auto. L’incidente stradale è avvenuto domenica sera intorno alle 22 in zona Bovisa a Milano. Il conducente della Ford Fiesta, un 21enne italiano, è stato bloccato dalla polizia di Stato in piazza Bausan all’altezza dei via Massani dei Capitani e salvato da un tentativo di linciaggio dei residenti.

La ferita più grave di 24 anni è stata operata all’ospedale Niguarda dove è in terapia intensiva in coma farmacologico. L’altra ragazza invece ha riportato contusioni guaribili in 7 giorni. L’autista, risultato positivo all’alcol test, è stato denunciato a piede libero.

L’investimento, secondo quanto precisato dalla Polizia Locale, che procede alle indagini, è avvenuto ieri alle 22 in via Ricotti all’angolo con via Mercatini, e ha coinvolto la ragazza e un’amica di 30 anni, a sua volta investita e contusa. La Volante ha fermato la vettura, una Ford, in piazzale Bausan, vicino al luogo dell’impatto.

Sono stati gli stessi agenti dell’equipaggio intervenuto a prestare i primi soccorsi alla giovane, ancora incastrata sotto la ruota anteriore sinistra del mezzo, dopo averlo sollevato di peso con l’aiuto di alcuni passanti. Sempre i poliziotti hanno caricato sulla Volante l’investitore, che ha rischiato di essere aggredito dai presenti.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore