/ Attualità

Attualità | 24 ottobre 2020, 21:34

Coronavirus, verso il nuovo Dpcm: ipotesi stop alle attività di ristorazione dalle 18, piazze chiuse alle 21 e stop a palestre e cinema

Al momento si parla di una bozza ancora in via di definizione. Le nuove misure previste dal governo, se confermate, potrebbero entrare in vigore in tutta Italia dal 26 ottobre al 24 novembre

Coronavirus, verso il nuovo Dpcm: ipotesi stop alle attività di ristorazione dalle 18, piazze chiuse alle 21 e stop a palestre e cinema

Nel prossimo nuovo Dpcm potrebbe arrivare la chiusura di bar e ristoranti dalle 18, stop a cinema, teatri, casinò, palestre e piscine. Sono questi alcuni dei provvedimenti che potrebbero trovare spazio nel provvedimento che il presidente del consiglio Giuseppe Conte si appresta a varare nelle prossime ore. 

Al momento si parla di una bozza del Dpcm ancora in via di definizione, quindi siamo ancora nel campo delle ipotesi. Ma le misure se confermate andrebbero a influire radicalmente sul tessuto economico e sulla quotidianità nell’ottica di contestare il diffondersi del Covid 19 in Italia. Sui media nazionali e sulle agenzie di stampa iniziano ad emergere i primi dettagli circa i contenuti all'interno del provvedimento. 

La misura più importante riguarderebbe la chiusura anticipata alle 18 per tutti i servizi di ristorazione. A bar, ristoranti sarebbe consentita la vendita da asporto fino alle 24

Nella bozza del Dpcm si parlerebbe anche di una possibile chiusura delle piazze alle 21, con il fine di evitare assembramenti. Ulteriori chiusure dovrebbero interessare luoghi differenti come palestre, piscine, cinema, teatri e anche sale giochi e Casinò. 

Per quanto riguarda le scuole, il governo garantirebbe lezioni in presenza per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, mentre per le scuole secondarie di secondo grado si dovrebbe andare sulla didattica a distanza pari al 75% delle attività. 

Il nuovo provvedimento dovrebbe essere presentato nella giornata di domani. Le misure dovrebbero entrare in vigore dal 26 ottobre e sarebbero valide per un mese fino al 24 novembre.  

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore