/ Economia

Economia | 26 novembre 2021, 07:00

Cosa potrebbe significare la legalizzazione della cannabis per il mercato del lavoro in Italia

La riduzione del danno e la lotta contro il traffico illegale sono gli argomenti più forti per la liberalizzazione delle leggi sulle droghe, ma potrebbe anche creare migliaia di posti di lavoro

Cosa potrebbe significare la legalizzazione della cannabis per il mercato del lavoro in Italia

Nel 2019, la Cassazione ha stabilito che non è illegale per gli adulti coltivare alcune piante di cannabis se non sono destinate alla vendita, e sembra probabile che l'Italia possa presto approvare una legge in tal senso. A settembre, i sostenitori della riforma hanno raccolto più di 500.000 firme necessarie per avere un voto popolare sulla questione.

Se l'iniziativa non rimane sepolta nella burocrazia, il referendum potrebbe avere luogo l'anno prossimo. Darebbe agli italiani l'opportunità di decidere se vogliono legalizzare la coltivazione domestica di semi di cannabis per uso personale. Probabilmente lo vogliono.

Il più recente sondaggio di Sondaggi Bidimedia ha trovato che il 57% degli elettori italiani sono pronti a sostenere questa proposta. Il successo può aprire le porte a iniziative più radicali - dove la coltivazione della cannabis non è solo tollerata su piccola scala, ma trasformata in un'industria a pieno titolo.

Dopotutto, gli sviluppi oltreoceano costituiscono un forte argomento per il rifiuto della decennale guerra alla droga e l'adozione di una politica più sensata. La cannabis è legale in Canada dal 2018, e negli Stati Uniti, l'uso ricreativo della droga è permesso da 18 stati e alcuni altri territori. E l'Europa sta a guardare.

Mentre l'argomento principale per la liberalizzazione delle leggi sulla cannabis è la riduzione del danno, ci sono anche incentivi economici.

Anche l'industria della "cannabis light", inavvertitamente accesa dall'approvazione della Legge 242 nel 2016, ha portato alla proliferazione di negozi di canapa in tutta Italia e alla creazione di migliaia di posti di lavoro.

E non stiamo parlando solo di commessi. Ben oltre la semplice vendita di fiori secchi e altri prodotti fumabili, il settore comprende la produzione di gelati e biscotti, lozioni solari e shampoo, oli CBD e tutta una serie di novità. Per non parlare dell'agricoltura e dell'industria tessile a beneficio delle quali la legge del 2016 era originariamente destinata.

E la cascata di nuove tasse che è arrivata con questo nuovo mercato è un argomento piuttosto forte che tutto questo è stato una mossa davvero intelligente. E lo è anche l'idea che grazie alla cannabis light, almeno alcuni fumatori smetteranno di andare al mercato nero e di foderare le tasche del crimine organizzato.

Nel 2021, il numero totale di posti di lavoro nell'industria della cannabis negli Stati Uniti ha raggiunto la sbalorditiva cifra di 321.000, ovvero lo 0,1% dell'intera popolazione statunitense. Nemmeno la pandemia COVID-19 è riuscita a frenare la crescita che è stata del 32% rispetto all'anno precedente.

Diamo un'occhiata al tipo di posti di lavoro che il settore crea:

  • maestro coltivatore

  • trimmer

  • raccoglitore

  • tecnico dell'estrazione

  • cuoco di commestibili

  • ispettore di qualità

  • budtender

E questi sono solo i lavori specifici dell'industria che richiedono una conoscenza effettiva della pianta e dei suoi derivati. Come ogni altro settore, l'industria della cannabis crea anche un intero ecosistema di posti di lavoro di supporto, dai corrieri delle consegne, cassieri, elettricisti e tecnici HVAC agli avvocati, contabili e sviluppatori di software ai CEO.

Il rapporto di Mordor Intelligence ha stimato la dimensione del mercato globale della cannabis nel 2020 a 22,1 miliardi di dollari (19,6 miliardi di euro) e ha previsto che crescerà ad un tasso del 13,9% tra il 2021 e il 2026. Cosa significhi per l'Italia e l'Europa in generale resta da vedere. Molto dipende da quali leggi saranno emanate nel frattempo.

Attualmente, solo la cannabis medica è legale in Italia. Sebbene il paese sia il secondo produttore di cannabis in Europa, l'industria deve ancora decollare a causa dell'eccessiva regolamentazione. Tuttavia, le autorità hanno dichiarato di voler triplicare la produzione per soddisfare la domanda interna.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore