/ Cronaca

Cronaca | 22 settembre 2023, 18:55

Omicidio Maltesi, Fontana ammesso alla giustizia riparativa. Il padre di Carol: «Sono schifato»

È il primo caso in Italia. L'avvocato del bancario reo confesso del barbaro omicidio della 26enne di Sesto Calende: «Minacciare l'ergastolo non serve a niente. Bisogna creare coscienza sociale». Il legale di Fabio Maltesi: «Il padre è sconvolto da questa decisione»

Davide Fontana e Carol Maltesi

Davide Fontana e Carol Maltesi

(Liv/Adnkronos) Davide Fontana, il bancario di 44 anni condannato a 30 anni per l'omicidio della ventiseienne di Sesto Calende Carol Maltesi, avvenuto l'11 gennaio 2022 a Rescaldina, nel Milanese, ha ottenuto l'ammissione all'istituto della giustizia riparativa. A confermarlo all'Adnkronos il legale difensore di Fontana, Stefano Paloschi. «Questo - spiega l'avvocato all'agenzia di stampa - è il primo caso in Italia, almeno per il reato di omicidio, dell'istituto entrato in vigore il 30 giugno scorso, a seguito della riforma Cartabia».

Ma cosa succede in concreto con l'avvio del programma? «Per prima cosa si tenta un confronto con la vittima o con la famiglia della vittima - risponde il legale con le sue dichiarazioni riportate da Adnkronos - Nel caso questi non intendano partecipare, si rivolge la proposta a una vittima surrogata, cioè che abbia subìto un reato analogo». E dunque «al percorso psicologico al quale il reo viene sottoposto, si aggiungono attività concrete a favore delle vittime o di enti e associazioni che sostengono le vittime. E non è una cosa breve, ma un percorso che dura diversi anni. Nei Paesi anglosassoni, dove la giustizia riparativa è un istituto tipico, la sperimentazione è avvenuta con successo. Ne è un esempio il Sud Africa, dove la giustizia riparativa è stata introdotta per sanare la frattura sociale generata dall'Apartheid».

In Italia, però, non si hanno dei precedenti, trattandosi del primo caso nell'ambito di un reato di omicidio: «E' per questo che dico che chi si batte contro la violenza di genere dovrebbe guardare con interesse a questo istituto - ribadisce all'Adnkronos -. Anche perché abbiamo visto con gli ultimi casi di cronaca che limitarsi ad innalzare le pene, o minacciare l'ergastolo, non serve a niente. E' creando coscienza sociale che si possono ottenere risultati».

Certamente, ammette, «potrebbe non funzionare, ma partire dal presupposto di indignarsi e polemizzare perché si concede a un condannato di mettersi a disposizione per cercare di non commettere più errori a me sembra francamente sbagliato».

Dura però la reazione dei familiari di Carol Maltesi. «Ho avvisato il mio assistito, che vive ad Amsterdam, della decisione della Corte - spiega come riportato da Repubblica.it l'avvocato Manuela Scalia, legale che assiste il padre di Carol, Fabio Maltesi - Si è detto sconvolto e schifato da una giustizia che ammette un assassino reo confesso, che ha ucciso, fatto a pezzi ed eviscerato una ragazza, di accedere ad un percorso simile».

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore