/ Sport

Sport | 18 novembre 2023, 18:58

Volley serie A3: la Moyashi Garlasco cede nettamente a Mantova

3-0 il punteggio in favore del Gabbiano ai danni dei neroverdi di coach Bertini

foto Aldo Castoldi

foto Aldo Castoldi

Continua a faticare la Moyashi, che nella trasferta contro Mantova non riesce a concretizzare e cede per 3-0 (25-19, 25-18, 25-23). In gara contro la seconda classificata, i neroverdi si trovano in difficoltà in ricezione, rendendo complicata la costruzione del gioco. Non bastano la buona prestazione di Martinez (12 punti), i piccoli break trovati con Peslac e Cavalcanti al servizio, e la reazione finale guidata da Pedroni e Vattovaz. I neroverdi capitolano così sotto i colpi di Novello e Yordanov, trovando la sesta sconfitta su 7 gare disputate e il quarto 3-0 consecutivo. Fermi a 4 punti in classifica, i neroverdi si dovranno concentrare per trovare il prossimo sabato al PalaRavizza contro Salsomaggiore punti imprescindibili.

Formazioni: Per la trasferta a Mantova Bertini si affida ancora a Peslac in regia con Martinez opposto. Entrano al centro Tomassini e Orlando, in banda Cavalcanti e Puliti, con Calitri libero. Dall’altra parte della rete coach Serafini mette in campo Martinelli in regia e Novello opposto. In centro Miselli e Tauletta, Scaltriti e Yordanov in banda e Catellani libero.

La gara: buon l’inizio della Moyashi, che con Martinez e Tomassini tiene testa a Mantova mantenendo la parità all’inizio del primo parziale (8-8). Nonostante i tentativi di Cavalcanti i neroverdi soffrono il servizio mantovano e i padroni di casa si portano sul 16-12. Bertini chiama in campo Chadtchyn e Colella, ma Novello e Yordanov allungano a +6 (22-16).

Con Orlando e Martinez la Moyashi tenta il recupero, ma con Novello Mantova si prende il set per 25-19. Per il secondo parziale Bertini chiama in campo Biasotto e con un Martinez trascinatore i neroverdi tentano il riscatto del primo set (5-7). A poco vale il vantaggio neroverde, con Novello a trovare la parità dai 9 metri per poi spingere i suoi sul 10-9. Le difficoltà neroverdi in ricezione permettono ai padroni di casa di allungare sul 17-12, Bertini cerca così maggior consistenza con Colella su Puliti.

Sul 19-15 Bertini chiama il doppio cambio con Vattovaz e Pedroni per tentare il recupero, ma nonostante l’ace di Cavalcanti, i neroverdi non riescono a concretizzare e Mantova conquista anche il secondo set 25-18.

Fatica a ingranare la Moyashi nel terzo set, che con diversi errori in ricezione e battuta consente a Mantova di prendere subito il largo (8-4). Con l’ace di Cavalcanti e il muro di Biasotto la Moyashi si fa sotto (10-10), presto superata dalle prodezze di Miselli e Novello (15-11). Yordanov a suon di ace porta i suoi sul 17-11, quando Vattovaz e Pedroni sono chiamati al doppio cambio nella ricerca di un ritmo diverso.

Ci provano Puliti e Cavalcanti (21-16) e con il portoghese al servizio, aiutato da Biasotto e Vattovaz, la Moyashi dà il tutto per tutto portandosi in parità (23-23), ma è Miselli a sancire la vittoria mantovana per 25-23.

TABELLINO


GABBIANO MANTOVA 3 - MOYASHI GARLASCO 0 PARZIALI: (25-19, 25-18, 25-23)

MOYASHI GARLASCO: Peslac 2, Tomassini 4, Cavalcanti 7, Pedroni, Chadtchyn, Martinez 12, Biasotto 6, Vattovaz 3, Orlando Boscardini 1, Puliti 9, Calitri (L), Colella. NE: Accorsi (L). 3 muri, 3 ace, 14 errori al servizio, 49% ricezione positiva (32% perfetta), 46% efficienza in attacco. All. Bertini, Vice Moro. GABBIANO

MANTOVA: Miselli 9, Catellani (L), Parolari, Novello 24, Yordanov 7, Scaltriti 6, Tauletta 4, Martinelli 2, Zanini, Massafeli Iasi Pedroso. NE: Ferrari, Depalma, Sommavilla (L), Gola, 10 muri, 10 ace, 6 errori al servizio, 54% ricezione positiva (25% perfetta), 44% efficienza in attacco. All. Serafini.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore