/ Cronaca

Cronaca | 29 marzo 2024, 10:53

Vercelli, pagavano fino a 4mila euro per esami della patente truccati: 30 indagati

Inchiesta della Polizia Stradale di Vercelli. Alle spalle un'articolata organizzazione

Vercelli, pagavano fino a 4mila euro per esami della patente truccati: 30 indagati

La Squadra di Polizia Giudiziaria della Sezione Polizia Stradale di Vercelli, a partire dal mese di settembre 2022 e fino a gennaio dell’anno 2024, ha indagato ben 30 candidati in quanto sorpresi, alle sedute di esame per il conseguimento della patente di guida presso la Motorizzazione di Vercelli, in possesso di strumentazioni elettroniche idonee a ottenere da remoto il suggerimento della corretta risposta ai quiz ministeriali.

Diversi sono stati gli espedienti utilizzati dall’organizzazione criminale - a cui i candidati si affidavano – per garantire i suggerimenti da remoto. In alcuni casi, sono state fornite delle microcamere - occultate negli abiti dei candidati - sotto “forma” di bottoni della camicia; altre volte, i suggerimenti sono stati forniti mediante micro auricolari celati nel cavo uditivo dei candidati; in altre occasioni ancora, è stato ritrovato il telefonino incollato all’interno della felpa, con la telecamera “puntata” verso l’esterno attraverso dei fori praticati sul tessuto dell’indumento.

Tutto il materiale, compresi gli indumenti, era fornito al candidato dall’organizzazione che, per ogni“servizio”, arrivava a chiedere in alcuni casi fino a 4000 euro a persona.

Nel corso dell’attività investigativa è stato individuato anche un elemento di spicco dell’organizzazione, un cittadino egiziano residente nell’hinterland milanese, che si è accertato essere il procacciatore di candidati per l’organizzazione nonché colui che si è sempre fatto carico di iscrivere i candidati ad autoscuole vercellesi per poi accompagnarli alla motorizzazione il giorno dell’esame, fornendo loro gli strumenti e gli indumenti “truccati”.

Nella gran parte dei casi, infatti, i candidati erano cittadini stranieri, residenti fuori la provincia di Vercelli, che per poter lavorare o migliorare le condizioni di lavoro, necessitavano della patente di guida. Le difficoltà legate alla lingua e alla comprensione delle domande hanno fatto sì che queste persone cedessero alle lusinghe dell’“organizzazione”, ritenendo di poter ottenere facilmente la patente di guida, anche se a fronte di una spesa importante.

Le indagini hanno interessato anche l’attività di un’autoscuola, ritenuta in contatto con l’organizzazione, poiché avrebbe consapevolmente agevolato le pratiche di iscrizione dei molti candidati, incrementando così il proprio volume d’affari grazie all’arrivo di clienti da fuori città.

In virtù dell’intensa attività svolta dalla Polizia Stradale nonché della fattiva collaborazione del personale della Motorizzazione, si è assistito, già dai primi mesi dell’anno 2024, ad un notevole ridimensionamento dell’afflusso di candidati provenienti da province lontane, tanto che ad oggi, non sono stati individuati altri soggetti “dotati” di strumenti fraudolenti.

Il procedimento penale si trova attualmente nella fase delle indagini preliminari. Vige pertanto, la presunzione di non colpevolezza degli indagati, sino alla sentenza definitiva.

da InfoVercelli.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore