/ Sport

Sport | 21 aprile 2024, 01:56

VIDEO e FOTO. Benvenuto in serie D al "nuovo" Oltrepò!

Davanti a uno straordinario pubblico (0-0 nel derby di Casteggio) e dopo solo 2 anni di vita il club nato dalla fusione tra Varzi e Bronese trionfa in Eccellenza. Progetto serissimo, coraggio, valori e ambizione per la prima squadra della provincia di Pavia del presidente Fabrizio Catenacci

VIDEO e FOTO. Benvenuto in serie D al "nuovo" Oltrepò!

Dopo solo 2 anni di vita l'Oltrepò centra la promozione in serie D. Lo fa al termine di uno 0-0 teso ed emozionante nel derby di Casteggio, in un Comunale dove non entra più uno spillo, regalando al presidente Fabrizio Catenacci l'obiettivo che aveva in mente quando nell'estate 2022 ha creato il club nato dalla fusione tra Varzi e Bronese. «Voglio la D, Varzi era inadeguata ecco perché il nuovo Oltrepò nasce a Broni». Queste le sue prime parole da patron, dopo 6 anni stupendi e una storica promozione del suo Varzi in Eccellenza. E insieme a lui e al ds Nicola Raso fanno festa tutti gli storici protagonisti del vecchio Broni, in primis Rina Rossi, la "presidentessa a vita" del calcio bronese. Una buona partenza in campionato, l'esonero a sorpresa di mister Mastrolonardo nonostante il terzo posto in classifica con "promozione" del suo vice Barbieri, poi una fase di stanca con le avversarie che andavano veloci, e infine un girone di ritorno spaziale con un filotto di 10 vittorie e 3 pareggi dopo il ko interno col Seveso il 21 gennaio scorso. Un'accelerazione fantastica che ha messo fuori causa le dirette rivali, Magenta e Pavia soprattutto, entrambe capitolate a Broni nel giro di 4 giorni. 

Di quanto fosse serio il progetto Oltrepò c'erano pochi dubbi da subito, perché la prima decisione presa dalla neonata società fu la partnership con l'Academy del Piacenza per il settore giovanile. Questo Oltrepò nulla ha a che fare con quello nato nel 1984 (quello dove giocò Corrado Verdelli per intenderci) con la fusione della Stradellina 1981 e la Portalberese, che pure aveva raggiunto una storica promozione in C2 proprio 2 anni dopo la sua nascita (con doppio salto di categoria). E in serie C quell'Oltrepò restò fino al 1993. Da lì in poi, dopo varie fusioni e cambi di denominazione (da ultimo come OltrepoVoghera), ha cessato di esistere al termine della stagione 2018-2019, quando il titolo è passato alla neonata A.S.D. Vogherese 1919. Nulla a che fare nemmeno con il Broni calcio del presidente Quadrelli, che nel 1993 (con quasi 1.000 persone al Comunale ogni domenica) era riuscito a portare la squadra rossonera per la prima volta in Interregionale, la serie D di adesso, dove però rimase per un solo anno. 

Questo "nuovo" Oltrepò è un'altra cosa, e la società non vuole di certo fermarsi qui. Sarebbe forse troppo illudersi di poter ripetere le gesta del "vecchio" Oltrepò protagonista in serie C, se si pensa che nemmeno 2 anni fa di questi tempi si stavano parlando per la prima volta Catenacci e Rossi. Ma sognare è lecito, nel calcio in particolare. Archiviata (si fa per dire...) la promozione, il prossimo obiettivo del club biancorosso è fare innamorare i bronesi, e tutti gli appassionati della zona. Al Comunale le presenze sono aumentate turno dopo turno, e le vittorie di certo hanno aiutato. Ora che l'Oltrepò è la squadra numero 1 della provincia (superiore addirittura al Pavia e alla pari della Vogherese che ancora sta lottando per restare in serie D), sente anche la responsabilità di tenere alto il nome e il prestigio del calcio pavese. Da settembre quindi il sogno è riempire il Comunale di Broni a ogni partita, come è stato fatto contro Voghera e Pavia lo scorso anno, e contro Casteggio e Pavia in questo. 

Tanti i protagonisti vincenti di questa stagione trionfale, dai capocannonieri Ferraro e Franchini (12 gol ciascuno) all'estro e alla velocità di Cavallotti (9 centri), dal portiere paratutto Guerci (miglior difesa del girone con 29 gol presi) a capitan Gabrielli, vera bandiera e simbolo della squadra, difensore impenetrabile e soprattutto bomber a sorpresa con i suoi 6 gol di testa tutti decisivi (contro Caronnese, Pavia e Meda solo per citare gli ultimi). Per mantenere la competitività in serie D serviranno riflessioni profonde. Nel campionato dell'anno scorso l'Oltrepò arrivò quinto, eliminò il Pavia nella semifinale playoff prima di cadere in casa del Club Milano, che poi vinse i playoff nazionali. Memorabile lo sportivissimo post portafortuna che Catenacci dedicò agli avversari milanesi subito dopo il ko subìto, «un applauso ai nostri avversari del Club Milano, ai quali auguriamo di tenere alto il nome della Lombardia».

Nell'estate scorsa Raso rivoluzionò la rosa con decisione coraggiose, che alla lunga gli hanno dato straragione. Ma adesso è tempo solo di festeggiare e di godersi il momento. 

E se l'Oltrepò può già pensare e programmare la prossima stagione, tutte le altre devono rimanere più che concentrate sugli ultimi 3 turni di campionato, perché tutti i verdetti sono ancora da scrivere. Il big match del Chinetti di domani tra Solbiatese e Pavia dirà tanto, e i nerazzurri di Rota non dovranno fare l'errore di pensare troppo alla finalissima di Coppa Italia che resta naturalmente l'obiettivo stagionale numero 1. Il Magenta proverà a soffocare il disperato bisogno di punti del Verbano, a caccia di un posto nei playout. Lo stesso cercherà di fare l'Ardor Lazzate sul campo di una Vergiatese ancora in lotta per la salvezza diretta, stesso obiettivo che hanno Sestese (quasi salva) e Castanese, la cui trasferta sul campo dell'FC Milanese dirà tanto su quale sarà il proprio destino.

Terz'ultima giornata di ritorno (domani ore 15,30)

Casteggio-Oltrepò 0-0 (giocata oggi), Calvairate-Accademia Pavese, Caronnese-Base 96 Seveso, FC Milanese-Castanese, Magenta-Verbano, Meda-Sestese, Solbiatese-Pavia, Vergiatese-Ardor Lazzate, Vittuone-Saronno.

Classifica

Oltrepò* 67; Pavia e Magenta 57; Ardor Lazzate 56; Solbiatese e FC Milanese 53; Calvairate 51; Casteggio* 49; Base 96 Seveso e Caronnese 46; Saronno 44; Sestese 37; Castanese e Accademia Pavese 33; Vergiatese 30; Verbano 27; Meda 25; Vittuone 5. *una partita in più

Prossimo turno (domenica 28 ore 15,30)

Accademia Pavese-Meda, Ardor Lazzate-Solbiatese, Base 96 Seveso-Pavia, Caronnese-Magenta, Castanese-Vittuone, Oltrepò-Vergiatese, Saronno-Calvairate, Sestese-Casteggio, Verbano-FC Milanese.Ffegg

da Varesenoi.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore