/ Sport

Sport | 18 dicembre 2022, 19:42

Finale pazzesca: doppietta Messi, tripletta Mbappè. L'Argentina vince i Mondiali dopo una delle partite più belle di sempre

Sudamericani super e gara senza storia a fino al 79esimo, poi i transalpini risorgono e Mbappé sale in cattedra. Al 120esimo è 3-3 e i rigori incoronano l'Albiceleste campione del Mondo

Finale pazzesca: doppietta Messi, tripletta Mbappè. L'Argentina vince i Mondiali dopo una delle partite più belle di sempre

Finale pazzesca ai Mondiali in Qatar. L'Argentina batte ai rigori la Francia e vince la Coppa del Mondo dopo 120 minuti incredibili. L'Albiceleste parte fortissimo e va in doppio vantaggio grazie a una rete di Messi su rigore e a un gol di un incontenibile Di Maria.

Francia annichilita, sudamericani in pieno controllo della gara. Al 79' però la partita cambia: rigore per i francesi e rete di Mbappé, fino a quel momento non pervenuto. Il francese si scatena e dopo pochi minuti va ancora in rete pareggiando i conti. 

Si va ai supplementari tra un'occasione un'altra. All'inizio del secondo supplementare quella che sembra la svolta definitiva: Messi segna di nuovo ribattendo in rete la palla respinta da Lloris dopo un tiro di Lautaro Martinez. Sembra chiusa. Ma non è così, perché ancora Mbappé - e ancora su rigore - realizza di nuovo il pari e segna la sua personalissima tripletta nella finalissima. 

Non è ancora finita perché le occasioni fioccano fino all'ultimo secondo del recupero, con una grande parata del portiere albiceleste Emiliano Martinez su Kolo Mouanè. Ma si va ai rigori, dove l'Argentina vince e si porta a casa la coppa.

Terzo titolo mondiale per i sudamericani: Messi corona così il suo sogno vincendo l'unico titolo ancora assente dalla sua leggendaria bacheca e diventa ufficialmente l'erede di Diego Armando Maradona mandando in tripudio il suo popolo.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore