/ Cronaca

Cronaca | 04 gennaio 2023, 10:48

«Ciao Paul, avevi un grande cuore»

Il locale gestito da Paolo Di Ciancio, vittima dell’incidente in viale Boccaccio a Busto, era tra gli sponsor di una squadra di un torneo amatoriale di calcio a 7. I ragazzi si stringono alla famiglia del 34enne

Paolo Di Ciancio, il quarto da destra, con i ragazzi dell'AC United

Paolo Di Ciancio, il quarto da destra, con i ragazzi dell'AC United

Sui social scorrono i ricordi di serate trascorse insieme, tra musica e risate. Da ieri mattina, però, ci sono solo dolore e incredulità.
Sono tanti gli amici che in queste ore piangono la scomparsa di Paolo Di Ciancio, vittima del drammatico incidente avvenuto in viale Boccaccio a Busto Arsizio.

“Paul”, così lo chiamavano tutti, era originario di Busto Garolfo e molto noto nell’Alto Milanese, in particolare nell’ambiente degli eventi, per aver gestito a lungo il Velvet Underground di Legnano.
Da qualche tempo si occupava di un nuovo locale che collaborava come sponsor con l’AC United, squadra impegnata in un torneo amatoriale di calcio a 7 che si tiene a Villa Cortese.

«Siamo molto scossi da ciò che è accaduto ed è difficile trovare le giuste parole. Abbiamo conosciuto Paul circa un anno fa e insieme abbiamo creato una collaborazione tra la nostra squadra e il suo locale, Bacall», hanno scritto sul profilo Facebook i ragazzi della squadra, stringendosi in un «enorme abbraccio» alla famiglia del 34enne.

«Fin dall’inizio – ricorda Niccolò Crespi, già capitano e ora mister – Paul aveva dimostrato grande disponibilità ed entusiasmo per uno sport che, nonostante non fosse tra i suoi preferiti, gli dava felicità e soddisfazione. La notizia mi ha scioccato personalmente, perché ho sempre visto in Paolo una persona tutta d’un pezzo, con grande personalità e orgoglio, dotata di un’ottima testa e soprattutto un grande cuore. Tutta la mia squadra vuole stringersi alla famiglia di Paul».

Con un rimpianto: quello di «non essere riusciti a organizzare una partita in sua presenza. Ci teneva – racconta Crespi – e diceva spesso che sarebbe venuto a tifarci sulle tribune. Cosi è la vita, in un attimo capace di darti tutto e di strapparti via ogni cosa da un momento all’altro».

Lunedì prossimo, quando riprenderanno le partite, la squadra chiederà all’organizzazione del torneo di «dedicare un minuto di silenzio al nostro amico Paolo».

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore