/ Cronaca

Cronaca | 27 marzo 2023, 10:38

Meda: denunciato "branco" di minori che aveva picchiato tre coetanei

Meda: denunciato "branco" di minori che aveva picchiato tre coetanei

I carabinieri di Meda, in provincia di Monza e Brianza, hanno identificato e denunciato una banda di adolescenti, età compresa tra i 14 e i 15 anni, che a fine novembre aveva colpito a più riprese tre coetanei.

Le indagini sono iniziate dopo che lo scorso dicembre le vittime 14enni, residenti a Mariano Comense, hanno raccontato ai carabinieri che il 27 novembre, intorno alle ore 15 a Meda, avevano subito un pestaggio da parte di un ‘branco’, circa una decina di coetanei che li avevano aggrediti con calci, pugni, prese da arti marziali, insulti e sputi.

Un’aggressione avvenuta in un parcheggio in via Umberto Pace, prima contro uno, poi anche contro gli altri due accorsi per soccorrere l’amico. I tre sono riusciti a scappare verso via Solferino ma sono stati raggiunti, accerchiati e di nuovo colpiti. Uno dei 14enni è riuscito ancora una volta a fuggire e trovare rifugio nella stazione ferroviaria attirando a sé gli aggressori. Questi, per nulla appagati, lo hanno raggiunto e accerchiato sulla banchina del binario 1 dando vita a un nuovo assalto con calci e pugni anche quando era a terra.

Le tre vittime, medicate in ospedale, hanno riportato prognosi da 7 a 15 giorni. Al termine dell’attività di indagine, effettuata attraverso l’analisi dei filmati delle telecamere di sorveglianza e delle dichiarazioni dei testimoni, i carabinieri “hanno raccolto gravi e concordanti indizi di reità nei confronti di sette componenti del branco” che sono stati denunciati alla procura per i minorenni di Milano e risultano indagati per concorso in lesioni personali aggravate.

 

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore