/ Cronaca

Cronaca | 17 settembre 2023, 19:29

Frecce Tricolori: per il pilota possibile a breve l'iscrizione nel registro degli indagati

L'uomo che era al comando dell'aereo caduto sarebbe "molto provato", ma fisicamente sta bene. L'Aeronautica militare rende noto, intanto, di aver incontrato i famigliari della bimba di 5 anni morta nell'incidente

Frecce Tricolori: per il pilota possibile a breve l'iscrizione nel registro degli indagati

Il pilota del Pony 4 che ieri era al comando del velivolo delle Frecce Tricolori che si è schiantato in fase di decollo, uccidendo una bimba di 5 anni, potrebbe essere iscritto a breve nel registro degli indagati.

A confermarlo il generale Luigi Del Bene, comandante delle forze Cfo combattimento di Milano che interpellato al proposito ha spiegato: “Ancora non è stato ufficialmente notificato ma di solito sono atti dovuti che vengono messi in essere dalla magistratura, quindi è probabile che in giornata possa succedere questo”. Le ragioni per cui il pilota dovrà essere indagato, come atto dovuto, è per rendere utilizzabili nei suoi confronti atti irripetibili che si dovranno fare, a prescindere da qualunque valutazione di merito sulla sua condotta. La procura di Ivrea ha intanto aperto un fascicolo per disastro aereo e omicidio colposo.

Il pilota è ancora a Torino

Questa mattina ho incontrato personalmente il pilota che si trova complessivamente in buono stato fisico, ma è moralmente molto provato per quanto accaduto", ha spiegato Del Bene. Il pilota è ancora a Torino in attesa di sbrigare le ultime pratiche a supporto della magistratura, "poi in giornata credo lascerà la città”.

"A disposizione della magistratura. Cause? Ora non si può escludere nulla"

Sull'incidente, Del Bene ha spiegato: "L'Aeronautica continua a supportare due attività principali: una è l'indagine della magistratura che è in corso e contestualmente l'indagine interna che è a cura dell’ispettorato della sicurezza del volo". Mentre sulla dinamica dell'incidente ha chiarito: “Sulle cause non si può escludere nulla, tra cui il ‘bird strike’, di sicuro c’è stata un’avaria grave al motore che di fatto ha smesso di funzionare. Quello è stato il motivo per l’aeroplano ha perso repentinamente velocità e quota fino all’impatto che è avvenuto nell’ultimo momento disponibile, una volta che il pilota si era assicurato che il velivolo impattasse nella zona di rispetto e libero da abitazioni o da altri ostacoli”. 

“Il pilota - ha detto ancora il generale - ci ha riferito del danno al veicolo e che il motore non spingeva più, dopodiché si è concentrato nella condotta, nel portare, cioè il velivolo fuori da zone abitate o da edifici, perché il tempo a disposizione essendo a quota bassissima è veramente ristretto, nell’ordine di pochi secondi per prendere decisioni con un aeroplano che non vola più”.

La visita alla famiglia della vittima

L’Aeronautica ha già incontrato il padre e la madre della bambina deceduta nell'incidente e del fratellino dodicenne attualmente ricoverato in ospedale con ustioni. "Tutta la mia forza armata - ha raccontato ancora il generale - è in un momento di forte cordoglio e di vicinanza alla famiglia per il tragico evento”.

da Torinoggi.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore